Meno traffico e più gioco all’aria aperta per la salute dei bimbi

Il miglior modo per migliorare la socializzazione dei bambini e la loro salute? Aumentare gli spazi per il gioco e le attività all’aria aperta. Ecco perché

Meno traffico e più gioco all’aria aperta per la salute dei bimbi

Un maggior numero di cortili, giardini, piazze, parchi pubblici e una lotta più decisa all’inquinamento, al traffico e alle barriere architettoniche. Sarebbe questa la ricetta magica per salvaguardare la salute dei bambini e promuovere il loro benessere. Secondo un’analisi condotta da un gruppo di ricercatori statunitensi, infatti, se i piccoli hanno la possibilità di giocare e muoversi all’aria aperta beneficiano di una serie di vantaggi, a tutti i livelli.

47 iniziative

Lo studio è stato condotto da un team di medici della Washington University di St Louis e pubblicato sull’American Journal of Health Promotion. Ha riguardato 47 iniziative svolte negli Stati Uniti nel 2011 inerenti la chiusura delle strade, la limitazione del traffico e l’organizzazione di attività all’aria aperta dedicate ai cittadini. In pratica, gli autori hanno cercato di capire come questi eventi fossero stati percepiti dalla popolazione e quali effetti avessero avuto sulla qualità della vita, il benessere e la salute.

Tutti i benefici

Dall’analisi dei risultati, è emerso che avere la possibilità di trascorrere un po’ di tempo all’aria aperta, praticando attività fisica, giocando o partecipando a intrattenimenti di vario tipo è molto positivo, specialmente per i bambini. Nei ragazzini che hanno partecipato alle iniziative organizzate in America, infatti, sono stati registrati miglioramenti nella salute, nel benessere e nello stato fisico. Anche la socializzazione e le relazioni interpersonali ne hanno giovato. “La maggior parte delle ragioni per cui tali iniziative andrebbero incentivate di più è il diretto rapporto con il miglioramento della salute, il peso e il fitness. La democratizzazione degli spazi pubblici e la promozione dell’attività fisica sono temi sempre più urgenti che andrebbero inseriti nelle agende degli amministratori, ma il problema è la mancanza di fondi per tali iniziative” hanno spiegato gli studiosi.

La situazione in Italia

Purtroppo in Italia la situazione non è rosea da questo punto di vista. Basti pensare che secondo il rapporto Legambiente 2013, solo in cinque Comuni si supera la soglia un metro quadrato di zona pedonale per abitante: a Cremona (1,07 m2), Firenze (1,08), Lucca (1,19), Verbania (2,14) e Venezia (oltre i 5 m2). In ogni caso, è fondamentale che mamma e papà invoglino i figli a trascorrere la maggior parte del tempo possibile fuori dalle mura domestiche. Se la mattina i piccoli sono costretti a stare in aula, almeno nelle ore pomeridiane dovrebbero divertirsi all’aperto, lontani però dal traffico. 

In breve

ANCHE IN INVERNO

I bambini dovrebbero giocare all’aria aperta anche nella stagione invernale, se le condizioni metereologiche lo permettono. L’ideale è scegliere luoghi il più possibile lontani delle vie trafficate.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti