Obesità e tumori: il legame è provato!

Pamela Franzisi
A cura di Pamela Franzisi
Pubblicato il 12/06/2019 Aggiornato il 12/06/2019

Un’ampia ricerca sviluppata tra Londra e Boston fotografa la relazione fra obesità e tumori. Nella lista anche il tumore allo stomaco, del fegato, della colecisti, del pancreas, dell’ovaio, della tiroide.

Obesità e tumori: il legame è provato!

L’obesità è un importante fattore di rischio per malattie cardiovascolari e diabete. Ma lo è anche, in maniera rilevante, nello sviluppo di alcune neoplasie. Il legame tra obesità e tumori ormai è provato.

Più di 4 milioni di morti all’anno

Uno studio, pubblicato sulla rivista Ca: A Cancer journal for clinicians, elaborato dagli epidemiologi dell’Imperial college di Londra e della prestigiosa Harvard T.H. Chan school of Public health di Boston ha evidenziato che l’obesità è responsabile del 4% dei tumori diagnosticati nel mondo ogni anno. La ricerca ha analizzato un gran numero di dati, sia a livello globale che per zona geografica. Nel 2015 sovrappeso e obesità sarebbero stati responsabili di 4 milioni di morti.

Legame con 13 tipi di tumore

Lo studio approfondito ha dimostrato il collegamento tra obesità e sovrappeso a 13 diverse tipologie di tumore: del seno (nel periodo successivo alla menopausa), del colon retto, dell’esofago (adenocarcinoma), dell’utero, della cistifellea, di reni, fegato, pancreas, ovaie, stomaco e tiroide, come pure meningioma e mieloma multiplo. In prospettiva, secondo i ricercatori, l’aumento dei casi di sovrappeso e obesità che si verificheranno nel mondo, inciderà sui tumori dei prossimi decenni.

E il sovrappeso è in aumento

Lo studio ha evidenziato che tra il 1975 e il 2016 il sovrappeso negli adulti è aumentato del 40%: il 21% negli uomini e il 24% nelle donne. Tra i minori di età compresa tra 5 e 19 anni i casi di sovrappeso sono aumentati del 18%. Prendendo a riferimento lo stesso periodo,  la prevalenza dell’obesità si è quadruplicata negli uomini, dal 3% del 1975 al 12% del 2016, e più che raddoppiata nelle signore, passando dal 7% al 16%. Nel 2012 il sovrappeso è stato responsabile di 544.300 casi di tumore (il 3,9%).

 

 

DA SAPERE

DIMAGRIRE POTREBBE DIMINUIRE IL RISCHIO

L’obesità è associata ad una serie di alterazioni endocrine e del metabolismo, che sono alla base dell’insorgenza di alcune forme di tumore. Di contro, alcuni studi sugli animali confermano che perdere peso ha un effetto protettivo contro i tumori, anche se non esistono ancora evidenze scientifiche sull’uomo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho usato un coltello sporco: rischio la toxoplasmosi?
19/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non si è immune alla toxoplasmosi, durante la gravidanza è sempre meglio non usare lo stesso coltello sia per sbucciare la frutta non lavata sia per affettarla.   »

Fibroma e gravidanza
05/08/2019 Gli Specialisti Rispondono

Ci sono fibromi che per collocazione e dimensione non interferiscono sulla possibilità di iniziare e portare a termine una gravidanza,  »

Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Fai la tua domanda agli specialisti