Obesità infantile nel mondo: per molti genitori grasso è bello

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/09/2014 Aggiornato il 08/09/2014

Un recente studio sull’obesità infantile ha messo in evidenza che i genitori di bambini cicciottelli spesso negano l’evidenza. Per loro, grasso è bello e sinonimo di salute

Obesità infantile nel mondo: per molti genitori grasso è bello

L’obesità infantile è un fenomeno in continua crescita. In realtà, è una situazione che non dovrebbe stupire se si pensa che per molti genitori grasso è bello: sono pochissimi i papà e le mamme di bimbi cicciottelli che riconoscono che il proprio figlio è in sovrappeso. Per la maggior parte, i propri piccoli sono in perfetta salute e linea. Lo conferma un recente studio sull’obesità infantile condotto da un team di ricercatori americani, dell’università di San Diego, pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics.

Arruolati oltre 200 genitori

La ricerca ha riguardato 202 genitori di bambini e ragazzi di età compresa fra i 5 e i 20 anni. Tutti erano o erano stati in sovrappeso (il 94% quasi obesi), tanto che erano stati in cura presso una clinica dell’obesità. Gli autori hanno chiesto ai genitori di compilare una serie di questionari relativi alla salute e allo stato di forma dei figli. A tutti è stato chiesto cosa pensassero del peso del bambino e del suo aspetto fisico. Lo scopo era capire se mamma e papà fossero obiettivi nella valutazione della situazione. Infatti, occorre sapere che per molti genitori essere sovrappeso è un fatto positivo.

Gli adulti hanno una visione distorta della realtà

Dall’analisi dei risultati è emerso che effettivamente molti adulti hanno una visione distorta della realtà. Per il 31% dei genitori intervistati, infatti, i propri figli non avevano problemi di peso, anzi erano addirittura in perfetta salute. Gli autori hanno scoperto che non solo per molti genitori grasso è bello, ma anche che per la maggioranza il fattore più importante è la dieta. Mamma e papà preferiscono variare l’alimentazione dei figli piuttosto che convincerli a fare attività fisica. Il 61% del campione ha provato a modificare le abitudini alimentari dei figli, mentre solo il 41% li ha incentivati ad avere uno stile di vita attivo e a fare più sport. I più restii a puntare sul movimento erano coloro che erano a propria volta in sovrappeso.

Un falso mito molto diffuso

I risultati, in realtà, non sono così sorprendenti. Il falso mito che grasso è bello è diffuso da tempo e un’altra recente ricerca aveva raggiunto conclusioni simili. Aveva dimostrato, infatti, che almeno la metà dei genitori con un figlio sovrappeso o obeso pensa che il bambino sia perfettamente in salute e in linea. E, invece, l’obesità infantile è collegata a tutta una serie di problematiche, sia a breve sia a lungo termine. Espone il bambino a un rischio più elevato di malattie come diabete e peggiora la qualità della sua vita, anche dal punto di vista psicologico.

 

In breve

UN RETAGGIO CULTURALE DURO A MORIRE

Ma perché per molti genitori grasso è bello? Le ragioni sono soprattutto culturali: un tempo, a essere paffuti erano i bimbi delle famiglie più agiate, che potevano permettersi di sfamare senza difficoltà tutti i loro membri. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti