Obesità: più a rischio le primogenite

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/10/2015 Aggiornato il 08/10/2015

Ci sarebbe un maggior rischio di obesità per le primogenite, rispetto alle sorelle minori, e questo sembra che valga anche per i maschi. Ancora sconosciute le cause

Obesità: più a rischio le primogenite

L’obesità è una delle nuove piaghe della società contemporanea, considerati sia la sua diffusione tra i giovanissimi sia l’ormai dimostrato legame con numerose patologie, anche gravi, dell’età adulta (diabete, Alzheimer, tumori, rischio cardiovascolare). Un recente studio svela qualcosa in più sull’obesità: pare che le primogenite siano più a rischio di sovrappeso rispetto alle sorelle minori. Dunque, non solo più responsabilità ma anche un certo “peso” da gestire: il ruolo della primogenita diventa sempre meno allettante.

Rischio maggiorato del 40%

A definire le primogenite a maggior rischio di obesità, è un recente studio condotto dall’University of Auckland in Nuova Zelanda e dalla Uppsala University in Svezia. L’aumentato rischio di essere in grave sovrappeso tocca il 40% delle probabilità, rispetto alle sorelle minori della stessa famiglia. Per giungere a tali conclusioni, i ricercatori hanno considerato lo stato di salute generale di 13.400 coppie di sorelle nell’arco di una decina d’anni. Al “check ponderale”, le primogenite sono risultate più pesanti di almeno mezzo chilo rispetto alle sorelle di età minore. Con un corrispettivo indice di massa corporea più alto del 2,4%.

Non solo per le femmine

Questa differenza ponderale tra primogeniti e fratelli o sorelle minori, sembra si evidenzi anche nella popolazione maschile. In generale, pare che il momento topico del netto aumento di peso si attesti attorno ai 18 anni di vita.

Figli unici più a rischio

Oggi si assiste a un progressivo aumento delle famiglie con un solo figlio. Va da sé, quindi, che tale figlio avrà una percentuale di rischio maggiore di sovrappeso e obesità, se rapportato a coetanei con fratelli o sorelle di età maggiore.

 

 
 
 

In breve

STILE DI VITA SANO

Al di là di considerazioni statistiche o genetiche, l’obesità va combattuta ormai come emergenza sociale sia nelle famiglie piccole sia in quelle più numerose. Come fare? Serve uno stile di vita più sano: alimentazione equilibrata e, soprattutto, più attività fisica per i giovani.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti