10 consigli per il neopapà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/07/2013 Aggiornato il 24/07/2013

Soprattutto all’inizio, è normale avere tanti dubbi e non sapere come comportarsi: del resto genitori si diventa. Ecco i consigli per i neopapà

10 consigli per il neopapà

Argomenti trattati

L’arrivo di un bebè rappresenta una meravigliosa rivoluzione per la routine di una famiglia. All’inizio è normale che i genitori si sentano un po’ spaesati e spaventati e abbiamo bisogno di alcuni consigli. Ecco che cosa può fare il neopapà per vivere al meglio questa fase, godendosi il piccolo e al tempo stesso supportando la mamma.

1.

Se possibile, in concomitanza con la nascita del piccolo, prendere qualche giorno di ferie o di permesso. Così si può assistere al parto, riposarsi e occuparsi della casa, mentre mamma e bebè sono in ospedale, e non perdersi nulla della nuova vita a tre una volta che i due ritornano a casa.

2.

Partecipare il più possibile all’accudimento del bebè. Fin dai primi giorni, offrirsi di cambiare il pannolino, fargli il bagnetto, vestirlo. In questo modo non si rischia di sentirsi esclusi e si stabilisce un contatto diretto con il neonato.

3.

Fra i consigli “perentori” c’è anche quello di aiutare la mamma con le faccende domestiche. Fare la spesa, cucinare, lavare i piatti. Dopo il parto, infatti, la donna è molto stanca e deve riposare.

4.

Gestire in maniera “intelligente” le visite di amici e parenti. Mamma e neonato hanno bisogno di tranquillità e pace per riprendersi dalle fatiche del parto e imparare a conoscersi. Il neopapà deve imparare a dire qualche no e a stabilire una sorta di agenda degli appuntamenti.

5

. Sostenere e incoraggiare la donna che allatta. Non sempre, l’avvio dell’allattamento al seno è facile e la mamma può avere tanti dubbi. Avere accanto un compagno che la rassicura, la capisce e la conforta è fondamentale.

6.

Ritagliare dei momenti da trascorrere solo con il bebè. È vero che nei primi mesi, il piccolo ha bisogno soprattutto della mamma. Questo non significa, però, che il papà sia una figura accessoria. Al contrario: dedicare qualche attimo a cullare il figlio, coccolarlo, cantargli una canzone, portarlo a passeggio permette di gettare le basi per la relazione futura.

7.

Non tenere paure, incertezze e sentimenti per sé. Parlare con la propria compagna è importante, sia per cementare l’unione e ritrovare la complicità sia per non sentirsi soli ed esclusi.

8.

Qualche volta, quando il bebè strilla di notte, il neopapà potrebbe lasciare riposare la mamma e alzarsi al suo posto. Il fatto che lei sia a casa in maternità non significa che deve passare tutte le notti in bianco.

9.

Fare in modo che la propria compagna abbia qualche ora da dedicare ai propri interessi: caffè con le amiche, shopping, yoga, estetista… Qualsiasi svago va bene, purché la aiuti a non annullarsi completamente nel ruolo di madre.

10.

Ogni tanto portare la propria compagna a cena, chiedendo alla nonna di fare la baby-sitter, e non dimenticarsi mai di dedicarle qualche attenzione. Un po’ di coccole, un massaggio, un mazzo di fiori la fanno sentire più felice e appagata.

 

In breve

BANDO ALLA PIGRIZIA

Fra i consigli per il neopapà, uno riguarda esclusivamente lui. È importante che non diventi troppo pigro e trovi dei momenti da dedicare alle proprie attività preferite.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti