Cancro alla prostata si previene con i pomodori

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/10/2014 Aggiornato il 14/10/2014

Dieci porzioni di pomodori alla settimana significano protezione contro il cancro alla prostata

Cancro alla prostata si previene con i pomodori

Il cancro alla prostata è uno dei peggior incubi della popolazione maschile, tant’è che stanno aumentando notevolmente sia il numero di uomini che ricorrono a screening precoci e regolari sia le possibilità di guarigione da questa malattia che è il secondo tumore maschile più diffuso al mondo. Come per tutte le tipologie di neoplasie e malattie degenerative, anche la possibilità di sviluppare il cancro alla prostata è correlata allo stile di vita e all’alimentazione. A questo proposito, uno studio rivela che consumare dieci porzioni di pomodori alla settimana costituisca una vera e propria protezione contro questa temutissima malattia.

La ricerca su 20.000 uomini

Lo studio condotto da studiosi dell’Università di Bristol, di Cambridge e di Oxford e pubblicata sulla rivista scientifica Cancer epidemiology, biomarkers and prevention, evidenzia che gli uomini abituati (e qui costanza è la parola d’ordine) al consumo di dieci porzioni di pomodori alla settimana presentano ben il 20% di probabilità in meno di ammalarsi di cancro alla prostata. Per la ricerca sono stati presi a campione circa 20.000 uomini di nazionalità inglese tra i 50 e i 69 anni (fascia di rischio per il cancro alla prostata). Sono stati analizzati dieta e stile di vita, secondo un vero e proprio “diario” alimentare giornaliero. Lo studio ha, quindi, evidenziato che chi consumava dieci o più porzioni di pomodori alla settimana, aveva ridotto del 18-20% il rischio di sviluppare il cancro alla prostata.

Licopene, l’antiossidante per eccellenza

È risultato che i pomodori proteggono dal cancro alla prostata – e non solo – perché sono ricchissimi di un antiossidante chiamato licopene. Si tratta di una molecola in grado di annientare i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento e dell’infiammazione delle cellule. Proprio un’infiammazione prolungata a livello cellulare, infatti, genera alterazione e dunque tumore. Il licopene fa da barriera e impedisce che ciò avvenga.

Come farne il pieno

Per fare scorta di questa preziosa molecola antiossidante, è necessario consumare almeno 10 porzioni di pomodori alla settimana, fresco o cotto, sebbene è risultato che il pomodoro cotto e conservato (passate) e soprattutto il concentrato (doppio e triplo) rappresenta la riserva migliore di licopene immediatamente assimilabile.

 

In breve

LA DIETA MEDITERRANEA, FONTE DI SALUTE

Oltre ai pomodori, tutta la frutta e la verdura garantiscono una protezione contro il cancro. Sono, infatti, alimenti ricchi di antiossidanti e antinfiammatori naturali. Per questo la dieta mediterranea (verdura, frutta, carboidrati e pesce) risulta vincente anche sotto questo punto di vista: una vera e propria farmacia naturale.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti