Chi sono i daddy blogger

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 26/02/2013 Aggiornato il 26/02/2013

Dopo l’esplosione del fenomeno delle mamme sul web ora anche i papà si “fanno largo” a “colpi” di post. Conosciamo, allora, chi sono questi “daddy blogger”

Chi sono i daddy blogger

 

Dopo le mamme sul web ora anche i padri si “guadagnano” un posto di tutto rispetto

Le nuove generazioni di padri ci parlano (in senso proprio!) di un cambiamento in atto. Infatti, dopo il fenomeno esplosivo in questi ultimi anni delle mamme sul web, ora sono i neopapà a guadagnarsi un posto di tutto rispetto su Internet, e in particolare sui blog, dove prendono in prima persona la parola per descrivere le loro esperienze di padri. Da qui la definizione di “daddy blogger” (i papà che gestiscono blog).

Un’urgenza di condividere con altri padri emozioni e preoccupazioni

Certo, rispetto alle mamme rappresentano ancora una nicchia, ma si stanno facendo strada a “colpi” di racconti (a volte buffi o aneddotici), video e foto. Raccontarsi in rete diventa per molti nuovi padri quasi un’urgenza: è forte la voglia di condividere con altri papà gli stessi tipi di problemi o gioie, aspirazioni, disavventure, momenti di tenerezza…

Alcuni esempi di blog di papà

Se, come sempre accade, il fenomeno dei “daddy blogger” negli Stati Uniti ha già moltissimi seguaci, in Italia i “Papà 2.0” stanno pian piano guadagnando terreno. Qualche esempio di daddy blogger? Papà 2.0, Anche i papà hanno il pancione, Babbi digitali, Babbo Canguro, Daddy Supermaxieroe, Mo te lo spiego a papà, Strababbo…

I contenuti? Dalle riflessioni personali alle paure per i primi disturbi

Nei post dei papà blogger si trova un po’ di tutto: da informazioni pratiche a riflessioni che parrebbero essere uscite da una mente femminile, ovvero i troppi compiti a casa dei bambini, le paure per i primi disturbi da raffreddamento, le corse improvvise al Pronto soccorso per i motivi più svariati. Insomma, seppur minoritario, il fenomeno in ascesa dei “daddy blogger” rivela meglio di tante statistiche cosa stia accadendo fra le giovani coppie italiane in attesa che sia fatta una legge che tuteli davvero i padri al 100% e che sia in grado di supportare questo cambiamento. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti