Congedo obbligatorio ai papà: che cosa è cambiato

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/02/2016 Aggiornato il 01/02/2016

Prolungare il congedo obbligatorio per i padri è tra gli obbiettivi del governo. Ma per il 2016 i giorni passano solo da uno a due

Congedo obbligatorio ai papà: che cosa è cambiato

In Italia ancora non esiste una solida cultura paritaria del lavoro. La libertà di diventare madre paga il peso di retaggi culturali ben radicati e il riconoscimento del valore sociale della maternità è molto limitato. La nascita di un figlio è vista dalle aziende come una riduzione della produttività. È per questo che la metà delle società con meno di 50 dipendenti preferisce assumere un uomo piuttosto che una donna. Il nostro Paese sta cercando di invertire questa tendenza al fine di adeguarsi agli standard europei, introducendo un’estensione al congedo obbligatorio di paternità.

Giorni raddoppiati

Un emendamento alla Legge di Stabilità va nella direzione di favorire una maggiore condivisione della genitorialità. Anche nel 2016, quindi, il padre dovrà usufruire del congedo per prendersi cura del figlio, misura lanciata tre anni fa dall’ex Ministro Fornero. Per quest’anno, però, il papà avrà a disposizione un giorno in più: due in totale. Strada più lunga, invece, per il disegno di legge presentato al Senato che introduce 15 giorni di congedo obbligatorio per i padri, pagato all’80% dello stipendio come per le madri. “Sarà importante adesso monitorare i risultati di questa sperimentazione perché saranno utili nel percorso del disegno di legge sulla condivisione della genitorialità, di cui siamo prime firmatarie”  hanno commentato Valeria Fedeli e Annamaria Parente. Il ddl è stato firmato sia da esponenti del centrodestra sia del centrosinistra.

Pari opportunità lavorative

L’allungamento del congedo dei padri ha riscosso anche i consensi del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, e del presidente dell’Inps, Tito Boeri. Quest’ultimo, in una lettera, ha sottolineato come il provvedimento “vada nella direzione di un maggior equilibrio nella condivisione delle responsabilità parentali fra donne e uomini. I datori di lavoro – ha aggiunto  Boeri – sapranno d’ora in poi che assumere un uomo comporta costi comparabili con quelli dell’assunzione di una lavoratrice”.

Siciliani i papà più virtuosi

La nuova proposta potrebbe favorire anche il congedo parentale facoltativo, che può durare sei mesi e che è pagato al 30%. “Le nuove norme sul congedo parentale per i padri lavoratori non hanno ancora prodotto gli effetti sperati – aveva ricordato, infatti, il Presidente Mattarella – e lo squilibrio all’interno della famiglia continua a produrre limitazioni e impedimenti a carico delle donne”. Secondo una ricerca solo il 12% dei padri italiani finora ha fatto ricorso al congedo parentale per la nascita di un figlio. I più virtuosi sono stati i papà siciliani con quasi il 35%, un dato ben più alto della media nazionale. Seguono il Lazio con un 18,4%, Sardegna (16,7%), Trentino Alto Adige (15%), Liguria (14,8%) e Valle D’Aosta (14,8%). I papà di Veneto (8,1%), Lombardia (8,1%) e Piemonte (8,4%) sono, invece, agli ultimi posti nella cura dei figli nei primi anni di vita.

 

 

 

 
 
 

da sapere!

PROROGATO ANCHE IL VOUCHER BABY SITTING

È stato approvato anche l’emendamento che concede alla neomamma di continuare a usufruire, negli 11 mesi successivi al rientro dopo la maternità, al posto del congedo, di un assegno pari a 600 euro al mese per 6 mesi, per pagare le spese di una baby sitter o dell’asilo nido.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti