Congedo parentale a ore anche per i neopapà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/04/2016 Aggiornato il 06/04/2016

Il Jobs Act ha riconosciuto anche ai papà il congedo parentale su base oraria per potersi occupare del bebè

Congedo parentale a ore anche per i neopapà

In Italia, nonostante i papà siano sempre più attivi e coinvolti nella crescita e nella cura quotidiana dei propri figli, sono ancora le madri a occuparsi pienamente dei bebè. Proprio per adeguarsi agli standard europei, l’Italia sta cercando di invertire questa tendenza attraverso l’introduzione di un’estensione del congedo parentale ai neopapà.

Fatti passi avanti

Grazie al Jobs Act  D. lgs 148/2015 sono state rese strutturali e permanenti le nuove regole in materia di congedi parentali a ore, come riformate dal precedente D. lgs 80/2015 che inizialmente le aveva previste in via sperimentale al solo anno 2015. Anche ai neo papà, quindi, è oggi riconosciuto il congedo parentale a ore per dedicarsi ai propri figli, ed è applicato anche in caso di adozione o affido. Questi decreti prevedono, in pratica, che alla mamma e al papà, entrambi lavoratori dipendenti, possa essere concessa la fruizione del congedo in modalità oraria, anche in assenza di contrattazione collettiva o di livello aziendale. Entrambi, cioè, possono presentare domanda di congedo parentale a ore all’Inps anche quando nel Ccnl non è espressamente prevista tale modalità di fruizione.

Riconosciuti i contributi figurativi

Si tratta di un’importante agevolazione che consente ai genitori dipendenti un’astensione dal lavoro su base oraria pari alla metà delle ore medie giornaliere lavorate e pagate nel mese precedente all’inizio del congedo parentale. La riforma prevede, inoltre, che non possano essere cumulati al congedo a ore altri permessi o riposi disciplinati dal T.U. Anche ai neo papà è concesso, quindi, il congedo parentale a ore per dedicarsi ai figli e le ore di congedo sono coperte da contribuzione figurativa Inps.

La circolare dell’Inps

Poiché la normativa in materia è stata introdotta da poco tempo ed è vasta la complessità della disposizione e dei diversi casi di applicazione, l’Inps ha chiarito con la circolare 151/2015 che in questa fase iniziale il calcolo e l’indennizzo del congedo parentale a ore avverrà su base giornaliera anche se la fruizione sarà oraria. Nel nostro Paese solo il 14% dei padri, finora, ha usufruito dei permessi. Nell’86% dei casi sono le mamme a chiedere il congedo parentale per far fronte alla cura dei bambini. Non sono ancora disponibili dati su cui riflettere e fare previsioni, ma la possibilità introdotta dal Jobs Act in Italia di usufruire del congedo a ore potrebbe essere di aiuto alle famiglie e concedere ai padri la possibilità di garantire una maggior presenza in famiglia.

 

 

 
 
 

In breve

PARITA’ SOLO IN SVEZIA E NORVEGIA

Sebbene il diritto di chiedere i congedi parentali spetti a tutti e due i genitori, nella maggior parte dei Paesi europei sono utilizzati esclusivamente dalle donne. La Svezia e la Norvegia sono, infatti, gli unici Stati in cui ne usufruiscono entrambi in modo quasi paritario.  

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti