Congedo paternità 2022: giorni e come fare la domanda?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 18/08/2022 Aggiornato il 18/08/2022

Il Decreto legislativo 105 del 30 giugno 2022, entrato in vigore il 13 agosto scorso, apporta significative modifiche al congedo paternità, che diventa obbligatorio, garantendo una retribuzione del 100%

congedo partenità 2022: nuove regole

Il 13 agosto 2022 è entrato pienamente in vigore il Dlgs 105/2022. La norma prende in esame e aggiorna le direttive in tema di congedo paternità riservando novità per i papà.

Quanto spetta al papà in congedo parentale?

Tante le novità interessanti, specie per i papà. In particolare, sostituendo il congedo obbligatorio e facoltativo del padre, introdotti sperimentalmente dalla legge 92/2012 e stabilizzati dall’abrogato comma 134 dell’art. della legge di Bilancio 2022 (legge 234/2021), il nuovo decreto introduce il congedo paternità obbligatorio. In questo modo, il papà lavoratore può usufruire di un congedo di 10 giorni dal lavoro, indipendentemente da quello preso dalla neomamma.

Concessi anche al papà adottivo o affidatario, i giorni di congedo paternità 2022 possono essere sfruttati nei due mesi prima del parto e fino ai 5 mesi dopo la nascita e in caso di morte perinatale del nascituro. I giorni non sono frazionabili a ore, ma fruibili anche in via non continuativa e diventano 20, in caso di parto plurimo. L’indennità riconosciuta è pari al 100% della retribuzione giornaliera.

Come funziona il congedo parentale per i lavoratori dipendenti?

Tra gli altri aggiornamenti, i papà (e le mamme) lavoratori dipendenti hanno diritto a un’indennità del 30% della retribuzione per tre mesi, fino al 12° anno di vita del figlio, ma non trasferibili all’altro genitore. A ciò si sommano ulteriori tre mesi di congedo al 30%, disponibili in alternativa tra i genitori che, per il papà, sono utilizzabili fino al 12°anno di vita del bambino.

Inoltre, il decreto prevede altri tre mesi di congedo indennizzabili (in alternativa tra mamma e papà), arrivando così, a un periodo massimo di nove mesi indennizzabili, rispetto ai sei previsti in precedenza. Restano immutati, invece, i limiti massimi individuali dei due genitori.

Al genitore solo sono riconosciuti undici mesi (continuativi o frazionati) di congedo, di cui nove indennizzabili al 30%. In caso di reddito individuale inferiore a 2,5 volte l’importo del trattamento minimo di pensione a carico dell’assicurazione generale obbligatoria, per i congedi oltre i nove mesi fino al 12esimo anno di vita è prevista un’indennità al 30%.

Come funziona il congedo parentale per i lavoratori in gestione separata?

Per i lavoratori iscritti alla gestione separata, ciascun genitore ha diritto a tre mesi di congedo indennizzato, non trasferibile all’altro genitore più ulteriori tre mesi in alternativa, per un periodo massimo di nove mesi da usufruire entro il 12°del figlio. In ultimo, il Dlgs. 105/2022 prevede che per i lavoratori autonomi tre mesi di concedo da utilizzare entro l’anno di vita del figlio.

 

 

 
 
 

In sintesi

C’è il congedo parentale quando si adotta un bambino?

Sì, i termini del Dlgs. 105/2022 sono applicabili anche in caso di adozione o affidamento. Il calcolo dei mesi viene fatto dall’ingresso in famiglia/Italia del minore in caso di adozione o affidamento preadottivo.

 

Quando richiedere i giorni di congedo paternità?

 

Il padre lavoratore dipendente deve comunicare al proprio datore di lavoro le date in cui intende usufruire del congedo almeno 15 giorni prima. Se richiesto in concomitanza dell’evento nascita, il preavviso si calcola sulla data presunta del parto.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti