Daddy makeover è l’ultima tendenza dei papà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/03/2017 Aggiornato il 28/03/2017

Dopo il mommy makeover arriva dall’Inghilterra l’ultima tendenza per gli uomini: il daddy makeover. Ecco di che cosa si tratta

Daddy makeover è l’ultima tendenza dei papà

Fino a qualche tempo fa si parlava solo del mommy makeover, la rimessa in forma con bisturi e trattamenti di medicina estetica dedicati alle neomamme. Oggi la nuova tendenza che arriva dalla Gran Bretagna è quella del daddy makeover, un restyling cui sempre più uomini a cavallo dei quarant’anni, di solito sposati e padri di famiglia, decidono di sottoporsi per porre rimedio ai cedimenti e ai segni dell’età che diventano sempre più visibili su viso e corpo. La tendenza, nata nei Paesi anglosassoni, sembra in rapida diffusione anche in Italia.

Sempre più uomini dal chirurgo

Crescono, infatti, in maniera esponenziale gli uomini che si rivolgono al chirurgo plastico per ritrovare una forma smagliante per contrastare il passare degli anni. Il daddy makeover è richiesto proprio da tra i 45 e i 55 anni  dopo la nascita del primo o del secondo figlio. La ragione del rapido diffondersi del daddy makeover va proprio trovata nel fatto che dopo la nascita dei figli molti uomini tendono ad avere una vita più sedentaria, una alimentazione meno attenta e, in definitiva, si curano meno. Inevitabilmente, finiscono così per accumulare qualche chilo di troppo a livello addominale e dei fianchi. In più, il tempo che passa lascia segni sempre più visibili sul viso e questo contribuisce a non piacersi più.

Gli interventi più richiesti

Tra i più gettonati, c’è la liposuzione, efficace per eliminare la pancetta che non se ne va neanche con l’esercizio fisico. Questo intervento a volte viene completato con un minilift addominale per ridonare la giusta tensione alla pelle. Altro intervento particolarmente richiesto è quello che permette di eliminare l’eccesso di adipe a livello del petto, la cosiddetta ginecomastia, che si corregge con la liposcultura. Per il viso, invece, sono sempre più apprezzati quei ritocchi che, pur conservando la mascolinità, cancellano qualche anno conferendo un aspetto più giovane e fresco. Quindi: tossina botulinica e filler, mentre tra gli interventi chirurgici il più gradito tra gli uomini è il lifting endoscopico che non lascia cicatrici visibili. Anche l’impianto di staminali di origine adiposa per rigenerare la pelle del viso è molto efficace, così come la blefaroplastica, sempre in prima posizione,  perché garantisce una rinfrescata allo sguardo appesantito da borse e palpebre cadenti.

 

 
 
 

lo sapevi che?

Anche la depilazione è sempre più di moda tra gli uomini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti