Danni del fumo: è allarme per lui

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/05/2015 Aggiornato il 18/05/2015

La scienza lo conferma: sono davvero numerosi i danni del fumo sulla salute sessuale maschile

Danni del fumo: è allarme per lui

Che i danni del fumo siano numerosi, è ormai cosa nota. Ma c’è di più: sulla salute maschile, risultano ancora più aggressivi di quanto si pensasse. A spiegarlo sono gli esperti di urologia.

Gli effetti del fumo sull’uomo

I danni del fumo sulla salute sessuale maschile sono indubbi e comprendono: disfunzioni di tipo erettile, maggiore predisposizione ai tumori che colpiscono la prostata, i reni e la vescica. In sostanza, i danni del fumo coinvolgono tutto l’apparato genitale maschile. Le nuove scoperte della medicina hanno, dunque, allargato il campo d’azione dei danni del fumo sulla salute maschile. Come sottolinea il dottor Paolo Verze dell’università Federico II di Napoli, il fumo non nuoce solo alle vie urinarie (aumentando la probabilità di sviluppare un tumore), ma è deleterio anche riguardo ai problemi di disfunzione erettile e alle patologie legate al rene.

Problemi reversibili

Ad aumentare la predisposizione ai tumori di chi fuma, è anche il numero di sigarette fumate ogni giorno.  Ovviamente, i danni sono direttamente proporzionali alla quantità di sigarette quotidiana. Se si diminuiscono le sigarette, fino a smettere di fumare, cala anche la probabilità di soffrire di disfunzioni sessuali, così come di incorrere in una neoplasia del rene. Anzi, spesso le disfunzioni erettili guariscono spontaneamente non appena si smette di fumare.

Legame tra fumo e tumore alla prostata

Esiste una patologia che è resa ancora più grave proprio dal fumo: il tumore alla prostata. Quest’ultimo, infatti, è molto più aggressivo nei fumatori e, in coloro che fumano, è maggiore anche il rischio di recidiva dopo l’intervento. Per questo, è bene togliersi il prima possibile il vizio del fumo.

 

 

 

 

In breve

REGOLA D’ORO, SMETTERE DI FUMARE

Il rischio di sviluppare un tumore alla prostata è molto legato al fattore familiarità. Quindi gli esperti consigliano soprattutto a chi ha casi di cancro alla prostata in famiglia, di smettere  il prima possibile e del tutto di fumare.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti