Depressione post partum: colpisce anche i papà

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 18/03/2019 Aggiornato il 18/03/2019

La depressione post partum al maschile esiste: può colpire anche i papà e ha precisi segnali da riconoscere tempestivamente

Depressione post partum: colpisce anche i papà

La depressione post partum è un serio problema che non coinvolge solo le neomamme, ma anche i papà. Se ne parla poco, ma può avere serie ripercussioni su tutta la famiglia.

Messi nell’angolo

Sempre più studi dimostrano come la paternità sia un’esperienza entusiasmante, ma faticosa come la maternità ed esposta agli stessi rischi, disagi e veri e propri disturbi, inclusa la depressione post partum del papà che incide per un 10%. Gli uomini, subito dopo la nascita del figlio, possono sperimentare una sensazione di inadeguatezza che li allontana dal nido familiare. I padri tendono a identificarsi in stereotipi che giustificano il loro sentirsi messi un po’ in disparte o poco utili e di fatto allontanandosi dalla compagna sempre di più, sia fisicamente sia, soprattutto, emotivamente.

I campanelli d’allarme

Nei papà la depressione post partum si può manifestare con disturbi d’ansia quali attacchi di panico e fobie. Le lamentele possono sfociare in disturbi di somatizzazione o preoccupazioni ipocondriache. Possono verificarsi crisi di rabbia, condotte violente, attività fisica o sessuale compulsiva, fughe nel lavoro o con gli amici; abuso di sostanze o dipendenza da gioco d’azzardo o da internet. Queste problematiche comportano disturbi di coppia, litigi, conflitti che possono sfociare anche in relazioni extraconiugali.

Rivolgersi a un esperto

Spesso sono le compagne a rivolgersi ai servizi preposti, segnalando tali difficoltà come minacciose o compromettenti per la tranquillità necessaria a poter accudire al meglio il figlio. In questi casi la richiesta è di sentire il partner come parte integrante della triade e dunque partecipe del benessere e dell’accudimento del bebè. Poter affidare tutto questo a una terza persona, qualificata e garante di uno spazio diverso dal contesto familiare o amicale, permette a entrambi di ascoltarsi e confrontarsi con i reciproci timori. Questo dà avvio alla possibilità anche per il padre di dichiarare il suo stato di difficoltà e accettare un aiuto che gli permetta di riconquistare il suo ruolo, a partire dal suo vissuto soggettivo e dalla sua storia personale.

Da sapere!

L’esperienza della paternità è caratterizzata, inizialmente, da un senso di estraneità, poiché il padre non vive in prima persona l’esperienza di un altro dentro di sé.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Orticaria dopo un’infezione: può essere allergia all’antibiotico?

02/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

In una bimba di tre anni, è raro che la comparsa di puntini rossi durante una cura antibiotica sia dovuta a un'allergia al farmaco. E' più probabile, invece, che dipenda da una reazione agli agenti batterici o virali che hanno causato l'infezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti