Gli uomini di oggi? Altruisti e attenti agli altri

Lorenzo Marsili
A cura di Lorenzo Marsili
Pubblicato il 05/02/2019 Aggiornato il 05/02/2019

I giovani uomini di oggi sono molto diversi dai canoni a cui siamo abituati ad accostarli. Altruisti e attenti alla salute, non pensano solo a se stessi ma si rivelano ricchi di valori e pronti ad aiutare il prossimo

Gli uomini di oggi? Altruisti e attenti agli altri

Spesso si tende a fotografare i giovani uomini di oggi come egoisti, ipercompetitivi e senza valori, individui il cui unico scopo è raggiungere la soddisfazione e l’emancipazione personale. Una ricerca della British Columbia University di Vancouver, pubblicata sulla rivista Psychology of Men & Masculinity, abbatte il muro del pregiudizio e apre scenari interessanti circa le attitudini e le priorità dei giovani. La ricerca traccia una netta separazione con i valori associati tradizionalmente ai maschi in passato e rivela giovani sempre più altruisti e attenti alla salute.

Al primo posto l’altruismo

I ricercatori, guidati da John L. Oliffe, hanno intervistato 630 giovani uomini canadesi di età compresa tra i 15 e i 29 anni. Le risposte ottenute hanno evidenziato come il valore più importante sia l’altruismo. Ben il 91% degli intervistati considera infatti l’essere altruisti un aspetto fondamentale per un uomo.

Aperti alle novità

L’80% dei ragazzi ritiene inoltre importante rendersi utili per la comunità. Valori particolarmente incoraggianti anche in tema di apertura mentale e salute, con la maggior parte dei ragazzi che ritiene importante aprirsi a nuove idee, conoscenze ed esperienze e mantenersi in salute.

Non solo forza fisica

In tema di valori associati tradizionalmente agli uomini, la ricerca rivela come alcuni di essi siano effettivamente ancora diffusi, ma in misura nettamente inferiore rispetto al passato, specialmente se messi a confronto con le nuove priorità. La forza fisica, per esempio, è importante per il 75% degli intervistati. Una percentuale non bassa, ma certamente inferiore a quelle relative a forza intellettuale (87%) e forza emotiva (83%). In ultima analisi, anche l’essere autonomi rappresenta un valore importante per il 78% degli intervistati, che sottolineano come un uomo dovrebbe comunque cercare di essere indipendente.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

La ricerca necessita di approfondimenti legati soprattutto alla diversificazione del campione preso in esame. In ogni caso, i dati raccolti possono essere molto utili per realizzare programmi di assistenza sanitaria più mirati ed efficaci.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti