I papà provano il “pancione”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/04/2015 Aggiornato il 22/04/2015

In Gran Bretagna, è stata messa a punto una speciale tuta simula-gravidanza. Dedicata ai papà, promette di suscitare molto scalpore

I papà provano il “pancione”

Da oggi le donne in gravidanza pare non potranno più dire ai propri compagni e mariti “Non hai idea di ciò che si prova ad avere il pancione”. Infatti, dalla Gran Bretagna giunge la notizia che sia stata creata una tuta simula gravidanza. Non solo pancione, ma anche seno abbondante (e pesante) proprio come accade durante le 40 settimane di attesa.

Tre papà, un’idea particolare

Ad aver indossato questa speciale tuta simula gravidanza, sono stati tre papà inglesi: Jason Bramley, Steve Hanson e Jonny Biggins. I tre “eroi” hanno cercato di condurre la loro vita “tipo” (lavoro e incombenze varie) portando “in grembo” un bebè, o meglio, portandosi dietro pancione e seno ingombrante. Tutto ciò, giorno e notte, compresi i momenti ludici al pub con gli amici. 

Le mamme non staccano mai

Le future mamme sanno perfettamente di cosa si stia parlando. Un bel pancione, per quanto meraviglioso, pesante e ingombrante sommato a seni di difficile gestione e che affaticano tutta la colonna vertebrale, oltre che rendere più pesanti le normali attività quotidiane. La tuta simula gravidanza vuole quindi rendere la percezione dei papà il più possibile simile a quella reale delle future madri. Quindi, la tuta è stata indossata anche nel sonno (con conseguenti difficoltà nel trovare la giusta posizione) e durante attività dinamiche (chinarsi, raccogliere oggetti, fare le scale, tenere in braccio un bambino). 

Punto d’arrivo: festa del papà

Il punto d’arrivo di questa prova è stato fissato in data 15 marzo, lo stesso giorno in cui gli inglesi celebrano la festa del papà. La tuta simula gravidanza ha, dunque, “aggiunto” alla vita dei papà in questione un peso di circa 14 chili, dislocato nelle zone “clou”.

Difficoltà a dormire e non solo

Qual è stato quindi il risultato di tale sperimentazione? I tre “mammi in prova”, inglesi ma con un lavoro a Barcellona, hanno ammesso di aver incontrato non poche difficoltà, tra cui: dormire, allacciarsi le scarpe, raccogliere oggetti da terra, attaccare una spina. Tutte queste esperienze sono state riportate all’interno di un progetto, “The Book Of Mum”, completamente dedicato alle future mamme e al mondo della maternità.

Tutto uguale? Non proprio…

Sappiamo bene, però, che gravidanza non significa soltanto portarsi dietro pancione e seni abbondanti ma anche gestire i complessi sbalzi ormonali tipici del periodo, sempre diversi e sicuramente non compresi nella speciale tuta. Tanto di cappello, quindi, ai papà che hanno voluto sperimentare ma, all’interno di questa simpatica e utile prova, manca l’aspetto emotivo. Proprio quest’ultimo è una delle più comuni fonti di incomprensioni tra future mamme e futuri papà. Però tale variabile, e questo è un dato di fatto, è irriproducibile per sperimentazioni scientifiche o sociologiche.

VUOI SAPERE COME STA VIVENDO LA GRAVIDANZA IL  TUO COMPAGNO? FAI IL NOSTRO TEST 

 

 

DA SAPERE 

MANCA L’ASPETTO EMOTIVO

I papà hanno, dunque, sperimentato il carico ponderale della gravidanza ma non la devastante azione degli ormoni. E neppure quell’emozione incredibile legata al sentir nascere e crescere una vita dentro di sè. Insomma, i “mammi” hanno provato qualche onere ma non gli onori migliori della dolce attesa.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti