I papà provano il “pancione”

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/04/2015 Aggiornato il 22/04/2015

In Gran Bretagna, è stata messa a punto una speciale tuta simula-gravidanza. Dedicata ai papà, promette di suscitare molto scalpore

I papà provano il “pancione”

Da oggi le donne in gravidanza pare non potranno più dire ai propri compagni e mariti “Non hai idea di ciò che si prova ad avere il pancione”. Infatti, dalla Gran Bretagna giunge la notizia che sia stata creata una tuta simula gravidanza. Non solo pancione, ma anche seno abbondante (e pesante) proprio come accade durante le 40 settimane di attesa.

Tre papà, un’idea particolare

Ad aver indossato questa speciale tuta simula gravidanza, sono stati tre papà inglesi: Jason Bramley, Steve Hanson e Jonny Biggins. I tre “eroi” hanno cercato di condurre la loro vita “tipo” (lavoro e incombenze varie) portando “in grembo” un bebè, o meglio, portandosi dietro pancione e seno ingombrante. Tutto ciò, giorno e notte, compresi i momenti ludici al pub con gli amici. 

Le mamme non staccano mai

Le future mamme sanno perfettamente di cosa si stia parlando. Un bel pancione, per quanto meraviglioso, pesante e ingombrante sommato a seni di difficile gestione e che affaticano tutta la colonna vertebrale, oltre che rendere più pesanti le normali attività quotidiane. La tuta simula gravidanza vuole quindi rendere la percezione dei papà il più possibile simile a quella reale delle future madri. Quindi, la tuta è stata indossata anche nel sonno (con conseguenti difficoltà nel trovare la giusta posizione) e durante attività dinamiche (chinarsi, raccogliere oggetti, fare le scale, tenere in braccio un bambino). 

Punto d’arrivo: festa del papà

Il punto d’arrivo di questa prova è stato fissato in data 15 marzo, lo stesso giorno in cui gli inglesi celebrano la festa del papà. La tuta simula gravidanza ha, dunque, “aggiunto” alla vita dei papà in questione un peso di circa 14 chili, dislocato nelle zone “clou”.

Difficoltà a dormire e non solo

Qual è stato quindi il risultato di tale sperimentazione? I tre “mammi in prova”, inglesi ma con un lavoro a Barcellona, hanno ammesso di aver incontrato non poche difficoltà, tra cui: dormire, allacciarsi le scarpe, raccogliere oggetti da terra, attaccare una spina. Tutte queste esperienze sono state riportate all’interno di un progetto, “The Book Of Mum”, completamente dedicato alle future mamme e al mondo della maternità.

Tutto uguale? Non proprio…

Sappiamo bene, però, che gravidanza non significa soltanto portarsi dietro pancione e seni abbondanti ma anche gestire i complessi sbalzi ormonali tipici del periodo, sempre diversi e sicuramente non compresi nella speciale tuta. Tanto di cappello, quindi, ai papà che hanno voluto sperimentare ma, all’interno di questa simpatica e utile prova, manca l’aspetto emotivo. Proprio quest’ultimo è una delle più comuni fonti di incomprensioni tra future mamme e futuri papà. Però tale variabile, e questo è un dato di fatto, è irriproducibile per sperimentazioni scientifiche o sociologiche.

VUOI SAPERE COME STA VIVENDO LA GRAVIDANZA IL  TUO COMPAGNO? FAI IL NOSTRO TEST 

 

 

DA SAPERE 

MANCA L’ASPETTO EMOTIVO

I papà hanno, dunque, sperimentato il carico ponderale della gravidanza ma non la devastante azione degli ormoni. E neppure quell’emozione incredibile legata al sentir nascere e crescere una vita dentro di sè. Insomma, i “mammi” hanno provato qualche onere ma non gli onori migliori della dolce attesa.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti