Invasione farmaci falsi, due su tre per impotenza

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 03/09/2018 Aggiornato il 03/09/2018

È invasione farmaci falsi per impotenza. La Società italiana di Urologia lancia l’allarme attraverso la campagna “La tua salute vale di +”. Nella composizione dei presunti farmaci trovati anche veleno per topi e arsenico

Invasione farmaci falsi, due su tre per impotenza

In Europa, il mercato dei farmaci falsi è elevatissimo. Proprio perché due farmaci falsi su tre sono contro l’impotenza, scende in campo la Società italiana di Urologia (Siu). La situazione è preoccupante: gli uomini italiani cercano sempre più spesso una soluzione ai problemi di erezione e impotenza nei farmaci falsi. Acquistati sovente online, questi presunti farmaci rappresentano i due terzi di un mercato che in Europa è superiore a quello della droga. Con la campagna “La tua salute vale di +”, la Siu punta a sensibilizzare e informare gli uomini, sempre restii a rivolgersi a specialisti in caso di problemi di salute urologica.

Un mercato in crescita

Il fai da te su internet rappresenta un grande problema. Il mercato dei farmaci falsi venduti online è in costante crescita, con “rimedi” per impotenza ed erezione a fare da traino. Adelmo Lusi, comandante dei Carabinieri per la tutela della salute, spiega come negli ultimi quattro anni in Italia siano state sequestrate oltre 2,4 milioni di confezioni e 4 milioni di fiale o compresse. Con oltre 3.200 denunce. A ciò occorre sommare i 7mila controlli già effettuati nel 2018. Un pusher di falso viagra – spiega Vincenzo Mirone, responsabile della comunicazione Siu – guadagna oggi molto di più di uno spacciatore di cocaina.

Scelta poco intelligente

Come sottolineato da Mirone, i farmaci falsi o contraffatti rappresentano un grande rischio per la salute di chi li assume. Spesso questi prodotti non contengono alcun principio attivo e quindi non presentano alcuna efficacia. E questo solo nei migliori dei casi. Infatti, prosegue Mironi, nei presunti farmaci sequestrati sono state rinvenute sostanze pericolose come veleno per topi, arsenico, gesso o vernici. Il problema è che la vendita illegale di prodotti simil-viagra avviene perché spesso chi acquista punta a risparmiare qualcosa o a evitare l’imbarazzo di una visita da uno specialista. E non c’è nulla di più sbagliato e meno intelligente.

È bene informarsi

Proprio su questa poco intelligente tendenza degli uomini a rifuggire le visite urologiche si inserisce la campagna della Siu “La tua salute vale di +”. Come esposto dal segretario Siu, Walter Artibani, la campagna punta a sensibilizzare gli uomini sui rischi che si corrono utilizzando farmaci falsi o contraffatti. Una pratica sbagliata che rivela ancor più la sua insensatezza se si ricorda che la disfunzione erettile non è una patologia, ma un sintomo che di solito prelude a problemi più gravi, come disturbi cardiovascolari o sindrome metabolica. È importante accendere la luce su questo mondo sovente sommerso sia con gli uomini sia con i ragazzi più giovani.

 

 

DA SAPERE

 

La campagna “La tua salute vale di +” è partita con la distribuzione di un opuscolo informativo sui social e sul sito di Siu, oltre che in farmacia e nei centri di urologia. Un decalogo a disposizione del cittadino per migliorare l’approccio nell’uso dei farmaci, e non cadere vittima del mercato dei falsi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti