Invasione farmaci falsi, due su tre per impotenza

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 03/09/2018 Aggiornato il 03/09/2018

È invasione farmaci falsi per impotenza. La Società italiana di Urologia lancia l’allarme attraverso la campagna “La tua salute vale di +”. Nella composizione dei presunti farmaci trovati anche veleno per topi e arsenico

Invasione farmaci falsi, due su tre per impotenza

In Europa, il mercato dei farmaci falsi è elevatissimo. Proprio perché due farmaci falsi su tre sono contro l’impotenza, scende in campo la Società italiana di Urologia (Siu). La situazione è preoccupante: gli uomini italiani cercano sempre più spesso una soluzione ai problemi di erezione e impotenza nei farmaci falsi. Acquistati sovente online, questi presunti farmaci rappresentano i due terzi di un mercato che in Europa è superiore a quello della droga. Con la campagna “La tua salute vale di +”, la Siu punta a sensibilizzare e informare gli uomini, sempre restii a rivolgersi a specialisti in caso di problemi di salute urologica.

Un mercato in crescita

Il fai da te su internet rappresenta un grande problema. Il mercato dei farmaci falsi venduti online è in costante crescita, con “rimedi” per impotenza ed erezione a fare da traino. Adelmo Lusi, comandante dei Carabinieri per la tutela della salute, spiega come negli ultimi quattro anni in Italia siano state sequestrate oltre 2,4 milioni di confezioni e 4 milioni di fiale o compresse. Con oltre 3.200 denunce. A ciò occorre sommare i 7mila controlli già effettuati nel 2018. Un pusher di falso viagra – spiega Vincenzo Mirone, responsabile della comunicazione Siu – guadagna oggi molto di più di uno spacciatore di cocaina.

Scelta poco intelligente

Come sottolineato da Mirone, i farmaci falsi o contraffatti rappresentano un grande rischio per la salute di chi li assume. Spesso questi prodotti non contengono alcun principio attivo e quindi non presentano alcuna efficacia. E questo solo nei migliori dei casi. Infatti, prosegue Mironi, nei presunti farmaci sequestrati sono state rinvenute sostanze pericolose come veleno per topi, arsenico, gesso o vernici. Il problema è che la vendita illegale di prodotti simil-viagra avviene perché spesso chi acquista punta a risparmiare qualcosa o a evitare l’imbarazzo di una visita da uno specialista. E non c’è nulla di più sbagliato e meno intelligente.

È bene informarsi

Proprio su questa poco intelligente tendenza degli uomini a rifuggire le visite urologiche si inserisce la campagna della Siu “La tua salute vale di +”. Come esposto dal segretario Siu, Walter Artibani, la campagna punta a sensibilizzare gli uomini sui rischi che si corrono utilizzando farmaci falsi o contraffatti. Una pratica sbagliata che rivela ancor più la sua insensatezza se si ricorda che la disfunzione erettile non è una patologia, ma un sintomo che di solito prelude a problemi più gravi, come disturbi cardiovascolari o sindrome metabolica. È importante accendere la luce su questo mondo sovente sommerso sia con gli uomini sia con i ragazzi più giovani.

 

 

DA SAPERE

 

La campagna “La tua salute vale di +” è partita con la distribuzione di un opuscolo informativo sui social e sul sito di Siu, oltre che in farmacia e nei centri di urologia. Un decalogo a disposizione del cittadino per migliorare l’approccio nell’uso dei farmaci, e non cadere vittima del mercato dei falsi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti