La gravidanza regala due chili anche ai papà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/09/2015 Aggiornato il 04/09/2015

Questa notizia renderà felici molte future mamme: per la gravidanza anche i papà ingrassano! L’aumento ponderale paterno pare attestarsi in media sui due chili. Ecco perché

La gravidanza regala due chili anche ai papà

Uno studio della Northwestern University Feinberg School of Medicine, pubblicato sull’American Journal of Men’s Health, parla chiaro: i papà con la gravidanza si guadagnano non un pancione… bensì una pancetta. Per i padri, infatti, i chili accumulati a ogni figlio sembrano essere due. L’indagine ha coinvolto circa 10 mila papà, a partire dai 30 anni di età. I risultati di questo studio sono stati sorprendenti: i papà che vivevano con i figli, sono risultati i più soggetti all’aumento di peso (2 chili), chi aveva figli ma non risiedeva con la famiglia, invece, è risultato soggetto a un aumento ponderale di circa 1,5 kg. Infine, gli uomini senza figli, non solo non avevano accumulato chili di troppo ma, al contrario, mostravano una riduzione del peso medio di poco più di mezzo chilo.

Il matrimonio non c’entra

Tali dati hanno mostrato una correlazione solo tra aumento ponderale dei papà e la gravidanza delle loro compagne, che vi fosse o meno una relazione di coppia in corso, una convivenza o un matrimonio (). A far la differenza è proprio la presenza o meno di un figlio in arrivo. I motivi dell’aumento di peso nei papà? Sicuramente la mancanza di tempo per sé, argomento che le mamme conoscono perfettamente e che, a differenza dei neopapà, si portano dietro per lunghi anni dopo la nascita del bebè. La famiglia diventa la priorità e la propria forma fisica passa, dunque, in secondo piano. 


 

 

 
 
 

In breve

COME AFFRONTARE L’ARRIVO DEL BEBÈ

 Come far fronte a tutte le difficoltà, piccole o grandi, legate alla nascita di un figlio? Nella coppia va ristabilito l’equilibrio: divisione equa dei compiti riguardanti l’accudimento del bebè e i lavori domestici, prima di tutto. Poi, è importante che ciascun genitore riesca a ritagliarsi del tempo per sé  per rigenerare corpo e mente, tornando ricaricato dai figli.  E dando anche il buon esempio: prendersi cura di sé è fondamentale per poter condurre una vita serena e dignitosa.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti