L’odore della neomamma lega il papà al bebè

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 25/07/2019 Aggiornato il 25/07/2019

Uno studio britannico ha evidenziato come il legame dei neopapà con i propri figli possa essere innescato anche dal particolare odore della neomamma dovuto agli ormoni

L’odore della neomamma lega il papà al bebè

Secondo uno studio  britannico dell’università Newcastle upon Tyne e dell’università di Stirling (Scozia), pubblicato su “Physiology & Behavior”, durante i nove mesi della gravidanza i cambiamenti psicologici avvengono nella madre ma anche nel padre. E dopo il parto sarebbe anche l’odore della neomamma a fare da collante tra il papà e il bebè.

Una questione di naso

Le giovani mamme emettono un odore particolare, dovuto agli ormoni, che aiuterebbe i neopadri a legarsi al bambino. Sono questi i risultati dell’indagine che si è occupata delle variazioni ormonali che potrebbero giocare un ruolo rilevante per quanto riguarda l’accudimento del piccolo, aumentandone così le possibilità di sopravvivenza. Per arrivare a queste conclusioni sono stati prelevati campioni di sudore da donne tra i 17 e i 33 anni che avevano appena partorito e campioni di donne della stessa età che non avevano figli. Gli scienziati hanno testato l’effetto su 91 uomini tra i 19 e i 44 anni, facendo inalare l’odore per circa 10 minuti.  Prima e dopo il test, i volontari hanno risposto a questionari e sono stati invitati a guardare foto di volti di uomini, donne e bebè. Si è osservato così che gli uomini esposti all’odore della neomamma passavano più tempo a guardare le foto di bebè. Secondo gli autori dello studio i risultati hanno evidenziato una prima indicazione positiva riguardo l’ipotesi che l’esposizione anche breve all’odore della neomamma è sufficiente per indurre cambiamenti psicologici e comportamentali legati alla cura dei bebè.

Cambiamenti anche nei padri

L’antropologa Anna Machin, che studia la paternità umana all’Università di Oxford, ha spiegato che diventare padre è un fenomeno biologico come diventare madre. Ci sono, infatti, cambiamenti ormonali anche nei padri: i livelli di testosterone negli uomini si abbassano subito prima o subito dopo la nascita del primo figlio. Lo conferma  anche uno studio che ha preso in esame 624 uomini single e senza figli analizzandone i livelli di testosterone: 465 di loro sono diventati padri durante i 5 anni dello studio, e hanno mostrato un calo dei livelli di testosterone del 34% in media rispetto a coloro che sono rimasti single o comunque non hanno avuto figli. Altri studi hanno evidenziato come, a fronte di una diminuzione del testosterone, aumentino gli ormoni che aiutano a creare un legame, come ossitocina e dopamina.

 

 

 

Da sapere!

Secondo diversi studi, le aree del cervello che si attivano sia nei padri che nelle madri dopo il parto, sono quelle legate all’affetto, all’empatia e alla capacità di reagire al comportamento del bambino.

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti