L’odore della neomamma lega il papà al bebè

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 25/07/2019 Aggiornato il 25/07/2019

Uno studio britannico ha evidenziato come il legame dei neopapà con i propri figli possa essere innescato anche dal particolare odore della neomamma dovuto agli ormoni

L’odore della neomamma lega il papà al bebè

Secondo uno studio  britannico dell’università Newcastle upon Tyne e dell’università di Stirling (Scozia), pubblicato su “Physiology & Behavior”, durante i nove mesi della gravidanza i cambiamenti psicologici avvengono nella madre ma anche nel padre. E dopo il parto sarebbe anche l’odore della neomamma a fare da collante tra il papà e il bebè.

Una questione di naso

Le giovani mamme emettono un odore particolare, dovuto agli ormoni, che aiuterebbe i neopadri a legarsi al bambino. Sono questi i risultati dell’indagine che si è occupata delle variazioni ormonali che potrebbero giocare un ruolo rilevante per quanto riguarda l’accudimento del piccolo, aumentandone così le possibilità di sopravvivenza. Per arrivare a queste conclusioni sono stati prelevati campioni di sudore da donne tra i 17 e i 33 anni che avevano appena partorito e campioni di donne della stessa età che non avevano figli. Gli scienziati hanno testato l’effetto su 91 uomini tra i 19 e i 44 anni, facendo inalare l’odore per circa 10 minuti.  Prima e dopo il test, i volontari hanno risposto a questionari e sono stati invitati a guardare foto di volti di uomini, donne e bebè. Si è osservato così che gli uomini esposti all’odore della neomamma passavano più tempo a guardare le foto di bebè. Secondo gli autori dello studio i risultati hanno evidenziato una prima indicazione positiva riguardo l’ipotesi che l’esposizione anche breve all’odore della neomamma è sufficiente per indurre cambiamenti psicologici e comportamentali legati alla cura dei bebè.

Cambiamenti anche nei padri

L’antropologa Anna Machin, che studia la paternità umana all’Università di Oxford, ha spiegato che diventare padre è un fenomeno biologico come diventare madre. Ci sono, infatti, cambiamenti ormonali anche nei padri: i livelli di testosterone negli uomini si abbassano subito prima o subito dopo la nascita del primo figlio. Lo conferma  anche uno studio che ha preso in esame 624 uomini single e senza figli analizzandone i livelli di testosterone: 465 di loro sono diventati padri durante i 5 anni dello studio, e hanno mostrato un calo dei livelli di testosterone del 34% in media rispetto a coloro che sono rimasti single o comunque non hanno avuto figli. Altri studi hanno evidenziato come, a fronte di una diminuzione del testosterone, aumentino gli ormoni che aiutano a creare un legame, come ossitocina e dopamina.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo diversi studi, le aree del cervello che si attivano sia nei padri che nelle madri dopo il parto, sono quelle legate all’affetto, all’empatia e alla capacità di reagire al comportamento del bambino.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti