Papà e nascita del bebè: se lui ha paura di star male in sala parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/08/2013 Aggiornato il 19/08/2013

Condividere il momento della nascita del bebè è una gioia per i genitori, ma se il papà ha paura di star male in sala parto è meglio pensarci bene

Papà e nascita del bebè: se lui ha paura di star male in sala parto

L’arrivo di un bebè è un’emozione unica, che comincia in sala parto, quando il piccolo viene alla luce. Una gioia immensa, difficile da descrivere, che i genitori possono condividere se il papà assiste la mamma in sala parto. Ma se lui ha paura di star male? Meglio non rischiare e valutare attentamente il da farsi.

Un’emozione grande, forse troppo

Sicuramente partecipare in prima persona alla nascita del proprio figlio, godendosi “in diretta” il momento in cui viene al mondo, è un’esperienza importante, densa di emozioni particolari. Tuttavia, è anche vero che non è adatta a tutti i futuri papà, soprattutto a quelli che hanno paura di star male in sala parto.

Un’esperienza a due

Si tratta di un evento intenso e coinvolgente. Il futuro papà condivide con la compagna ogni minuto del

travaglio, ogni sorriso e ogni gioia, ma anche ogni dolore, ogni malessere e ogni eventuale inconveniente. In un certo senso è come se il travaglio diventasse “a due”, un’esperienza di coppia: quando lei spinge e respira, anche lui partecipa attivamente. Per tutti questi motivi, alcuni papà, troppo sensibili, impressionabili, facili agli stati di panico, che già a priori hanno paura di star male in sala parto dovrebbero accantonare l’idea di assistere alla nascita del bebè.

Meglio lasciare l’ansia fuori dalla sala parto

Se il papà in questione non solo ha paura di star male, ma è un tipo particolarmente ansioso, che cede al nervosismo e allo stress, è meglio che attenda fuori dalla sala parto. Infatti, se in preda all’ansia si rivolge alla partoriente con toni nervosi, rischia di aumentare solo la tensione, irritando ulteriormente la compagna. 

In breve

OCCORRE ESSERE SINCERI CON SE STESSI

Può essere duro da ammettere e da comunicare alla propria compagna, ma il futuro papà deve essere consapevole dei propri limiti. Se si rende conto di non essere in grado di reggere la situazione, se ha paura si stare male in sala parto, di non riuscire a sopportare il dolore vissuto dalla compagna, rischiando svenimenti, è meglio evitare.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti