Pensare alla famiglia sottopone a stress più le mamme che i papà

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/09/2013 Aggiornato il 12/09/2013

Le responsabilità più grandi di un contesto famigliare, come la casa e i figli continuano a pesare sulle spalle delle madri, che sono sottoposte a stress molto di più dei papà

Pensare alla famiglia sottopone a stress più le mamme che i papà

Le mamme sono più stressate dei papà: troppe faccende cui badare, sbrigare, pensare e mettere in ordine in una casa e quando ci sono i figli la giornata diventa ancora più turbolenta. Insomma, tra i membri della famiglia a essere malato di stress – anche se fosse la famiglia ideale – è la mamma, sempre sull’orlo di una crisi di nervi.

Mamme super stressate

Secondo uno studio condotto e presentato da Shira Offer, assistente del Dipartimento di sociologia e antropologia alla Bar-Ilan University di Israele, la casa e la famiglia sono un chiodo fisso per mamme e papà che lavorano. E se è vero che entrambi pensano ai figli e al ménage quotidiano per il 30% del tempo, solo la madre è sottoposta a stress all’idea di quello che l’aspetta a casa. Lo studio ha posto sotto osservazione 402 madri e 291 padri di famiglie a doppio reddito, la loro vita di tutti giorni, l’attività, i sentimenti e le loro emozioni. È emerso che i pensieri riguardanti la famiglia sono diversi, tra madri e padri. Qualche esempio? Prendiamo il “nido”. Quando la mamma pensa che è arrivata l’ora del nido, si stressa, il papà invece sorride…

Doppia pressione per le donne

La verità è che le responsabilità più grandi continuano a pesare sulle spalle delle madri. Secondo i ricercatori le donne sono quelle che più adattano i propri orari di lavoro alle esigenze della famiglia, che stanno a casa se il bimbo sta male, lo portano dal medico o lo vanno a prendere all’asilo. Vivono, insomma, la doppia pressione: sanno di dover essere una buona madre e una buona lavoratrice, e finiscono per sentirsi inadeguate su entrambi i fronti.

In breve

STRESS, COMPAGNO DI VITA

Lo stress è uno stato di maggiore attivazione dell’organismo rispetto alla norma, come risposta di adattamento a situazioni e contesti percepiti come problematici o pericolosi. A livello fisico è sostenuto principalmente dagli ormoni adrenalina e cortisolo, prodotti dalle ghiandole surrenali. Lo stress può essere acuto o cronico e il suo perdurare nel tempo può portare a sintomi psicofisici e predisporre all’insorgenza di alcune malattie, tra cui in particolare quelle gastroenteriche e cardiovascolari.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza che non si annuncia dopo 7 mesi di tentativi: si deve ricorrera alla PMA?

24/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Di solito, se la coppia è giovane, prima di indagare sulla sua fertilità, si attende che trascorra un anno di tentativi di concepimento andati a vuoto. Qualora il ginecologo suggerisca di ricorrere alla procreazione medicalmente assistita prima di questo lasso di tempo probabilmente esclude la possibilità...  »

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti