Problemi di coppia: se il papà è geloso del bebè

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/05/2012 Aggiornato il 26/02/2015

Diventare padre è un’esperienza che può portare con sé alcuni problemi di coppia, in quanto l’uomo si può sentire escluso dal rapporto madre-figlio. Come superare questa fase critica con l’aiuto della compagna

Problemi di coppia: se il papà è geloso del bebè

Dopo che si è formata la coppia, il passo successivo è diventare una coppia con figli. Per l’uomo assurgere al ruolo di padre rappresenta una fase molto difficile nel ciclo della vita, che comporta sfide psicologiche fortissime e, soprattutto all’inizio, può generare problemi di coppia.
Come per la mamma, anche per il papà la nascita di un bambino, specialmente del primogenito, rappresenta un evento che comporta dei cambiamenti. E se essi non sono così evidenti da subito come per la donna, anche il papà è chiamato a rivedere l’organizzazione della propria giornata e a sacrificare gran parte di quello che prima era il tempo libero per dedicare più tempo alla famiglia. Anche la vita sessuale potrebbe subire dei cambiamenti. Soprattutto dopo il parto è bene avere molta pazienza e assecondare i tempi di recupero del desiderio da parte della mamma.
I problemi di coppia legati alla gelosia del papà nascono nel momento in cui il padre si sente tagliato fuori dalla relazione tra la propria compagna e il neonato. È proprio per questo che è importante che, fin dalla nascita, il padre si collochi al centro della relazione madre-figlio diventando un polo alternativo alla madre nel prestare attenzioni e cure al bebè.
Perché questo avvenga è importante, però, il ruolo della compagna che deve consentire al partner di prendere il proprio spazio all’interno della relazione e, soprattutto, che sappia fidarsi delle capacità del compagno di prestare delle cure altrettanto premurose al piccolo. Purtroppo, invece, sono spesso le donne a scoraggiare, sia pure involontariamente, il coinvolgimento del compagno. Frasi come: “non si fa così”, “non prenderlo in braccio così”, “lascia fare a me che sono più veloce, più brava”, non solo riescono a smorzare l’entusiasmo del papà più volenteroso, ma finiscono per alimentare il senso di esclusione, la gelosia del papà nei confronti del bambino e, di conseguenza, i problemi di coppia. È invece importante che fin da subito i genitori trovino il modo di andare d’accordo e di condividere la cura e l’educazione del figlio.

Con il contatto fisico si crea un legame

Il coinvolgimento del compagno nelle cure e nel contatto con il neonato andrebbe dunque stimolato precocemente, fin dai primi istanti di vita, in modo da permettere al neopapà di acquisire il ruolo e l’immagine di padre il prima possibile. A questo scopo riveste grandissima importanza il contatto fisico tra papà e bimbo: poterlo stringere tra le braccia, accarezzarlo, baciarlo, cullarlo, fargli sentire il battito del proprio cuore, fargli annusare il proprio odore, guardarlo negli occhi, farsi stringere un dito nelle sue manine sono tutti atteggiamenti che servono a creare da subito un legame tra i due.
 

 
 
 

In breve

La gelosia paterna

Molti papà dopo la nascita del figlio possono vivere un momento difficile della propria vita in quanto spesso tendono a sentirsi esclusi dal rapporto privilegiato mamma/bambino. Ciò fa sorgere in molti uomini la gelosia verso il piccolo, accentuata dalla compagna che tende a sottolineare quanto lei riesca meglio nel ruolo protettivo e di accudimento del bebè. Per questo è importante che i papà siano coinvolti sin dall’inizio nella costruzione di un rapporto affettivo e di presa in carico del neonato.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti