Smart working e lockdown hanno cambiato (in meglio) la vita dei papà

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 23/04/2021 Aggiornato il 23/04/2021

Con il lockdown e lo smart working i papà hanno visto migliorare il proprio rapporto con i figli e ritrovato un maggiore equilibrio tra sfera privata e lavorativa

Smart working e lockdown hanno cambiato (in meglio) la vita dei papà

In pochi mesi, la pandemia da Covid-19 ha stravolto la società in molti suoi capisaldi. Per fortuna, non sempre in negativo. In questo processo di trasformazione accelerata è possibile, infatti, trovare anche del buono. Il riflesso positivo si è visto, per esempio, sull’influenza che il lockdown e lo smart working hanno giocato sulla centralità della famiglia e sull’essere genitori, in particolare sul rapporto tra papà e figli.

Papà più presenti

Vivendo molto di più in casa, a stretto contatto con i propri figli, infatti, in molti hanno riscoperto l’importanza di essere mamme e papà. E proprio questi ultimi, tra DAD, smart working e gestione dei più piccoli, sono riusciti a trovare il giusto equilibrio tra vita privata e lavoro, oltre che aver migliorato le relazioni con i propri figli.

Smart working, questo sconosciuto

A rivelarlo è R-Everse, innovativa società di head hunting, che, via Linkedin, ha posto a 150 padri di età compresa tra i 30 e i 40 anni che lavorano in azienda il sondaggio denominato “Smart working e paternità: come i papà stanno affrontando il lavoro da casa”. Pensato appositamente per approfondire il tema dell’essere papà lavoratori durante il lockdown e lo smart working, il sondaggio ha evidenziato non pochi benefici per i papà. Solo il 4% lavorava già stabilmente da casa, mentre per ben il 57% si trattava della prima volta.

Papà più contenti e presenti nella didattica

In particolare, il 71% degli intervistati ha visto un cambiamento, nella vita pratica, relativo al rapporto con i figli. Questo cambiamento è stato considerato positivo nel 63% dei casi, con la DAD a giocare spesso un ruolo chiave. Infatti, proprio grazie alla didattica a distanza, ben il 50% degli intervistati ha dichiarato di aver aiutato i figli. Di questo 50%, il 38% dei papà lo ha fatto in parte e in collaborazione con l’altro genitore, mentre l’11% ha supportato i figli totalmente in prima persona. La seconda metà del campione non ha invece avuto necessità di dare una mano ai figli, oppure si è affidata completamente all’altro genitore o ad altre persone.

Benefici non solo per il papà

Ritrovare l’equilibrio in famiglia, nella vita privata, nel tempo libero e nel lavoro è molto importante per i papà, ma non solo. Infatti, a giovarne sono anche le famiglie stesse e le aziende per cui lavorano. Di questo è convito anche Daniele Bacchi, CEO di R-Everse, che ha sperimentato in prima persona e con soddisfazione i benefici di essere papà nella situazione dettata dal Covid-19. E la questione non va sottovalutata, visto che lo smart working probabilmente sarà destinato a proseguire anche al termine della pandemia.

 

 
 
 

Una curiosità

Come sottolineato da R-Everse, il sondaggio evidenzia l’importanza di un valido sopporto istituzionale atto a favorire anche in futuro l’equilibrio verso una migliore conciliazione lavoro-famiglia.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti