Tumore al testicolo: si può diventare padri?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 22/03/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Il tumore al testicolo colpisce soprattutto i giovani e può dare infertilità: per evitare rischi è possibile ricorrere alla congelazione del liquido seminale

Tumore al testicolo: si può diventare padri?

Il tumore al testicolo cresce a un ritmo del 3% annuo, soprattutto tra i giovani, e può dare infertilità. Ma non comporta necessariamente la rinuncia al sogno di paternità. La fertilità maschile, infatti, si può preservare congelando uno o più campioni di liquido seminale. Tuttavia questo è un problema spesso sottovalutato.

Una malattia in aumento

Nel 2017 si sono registrati circa 2.500 nuovi casi di tumore al testicolo, pari all’1% di tutti i tumori maschili. Negli uomini sotto i 50 anni è la neoplasia più frequente e rappresenta il 12% di tutti i casi incidenti. Il rischio di sviluppare un tumore del testicolo è pari a 1 su 191: il rischio è molto elevato nei giovani e si riduce drasticamente nelle età avanzate.

Rischio infertilità

Il tumore al testicolo, come quello alla prostata, può determinare infertilità, sia in seguito all’intervento chirurgico sia per le terapie successive come la chemioterapia o la radioterapia. Ma, mentre si sta diffondendo la preservazione della fertilità femminile grazie alle tecniche di crioconservazione del tessuto ovarico o degli ovociti, molto meno si fa per l’infertilità maschile negli uomini affetti da neoplasie soprattutto dell’apparato urogenitale.

Sì al liquido congelato

Il liquido seminale congelato non ha le stesse capacità di fecondazione di quello fresco, però consente ugualmente di ottenere una gravidanza successivamente, assicurano gli esperti, anche se spesso bisogna ricorrere alla fecondazione assistita. È necessario scegliere un trattamento che dia alte percentuali di successo per non sprecare ciò che si è conservato. Nei casi più gravi, in cui non si hanno spermatozoi nel liquido seminale, si può ricorrere a tecniche di prelievo testicolare che hanno dato luogo, come dimostrano gli studi, a nascita di bambini sani e assenza di recidive del tumore.

 

 

Da sapere!

Resta fondamentale la prevenzione. Gli urologi e gli andrologi ricordano l’importanza di eseguire regolarmente l’autopalpazione dei testicoli dalla pubertà in poi, effettuando una leggera pressione con i polpastrelli su tutta la superficie e verificarne anche aspetto e colore, in modo da riferire immediatamente al medico ogni anomalia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti