Tumore alla prostata: un aiuto dall’aspirina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/01/2017 Aggiornato il 24/01/2017

L'assunzione di acido acetilsalicilico, la comune aspirina, per un periodo prolungato di tempo protegge dal tumore alla prostata. Ecco perché

Tumore alla prostata: un aiuto dall’aspirina

La ricerca sul tumore alla prostata sta facendo passi da gigante. Una delle più recenti scoperte riguarda il ruolo protettivo dell’acido acetilsalicilico (la comune aspirina) nei confronti dell’incidenza del tumore alla prostata. Infatti, l’uso prolungato di questo farmaco diffusissimo potrebbe ridurre anche del 60% la probabilità di essere colpiti da tumore alla prostata. Ecco perché

Dati promettenti

L’uso di aspirina è, quindi, protettivo nei confronti del tumore alla prostata ma non solo. Sappiamo, infatti, da recenti studi che l’acido acetilsalicilico assunto con regolarità per anni, può ridurre anche la probabilità di essere colpiti da carcinoma del colon-retto. In quest’ultimo caso, la percentuale di riduzione è del 30%, mentre per quanto riguarda le patologie neoplastiche a carico della prostata, la diminuzione del rischio va dal 40% al 60% se si assume aspirina per almeno 5 anni. Queste recenti scoperte, registrate in uno studio della Società italiana di medicina generale (Simg) condotto su 13.453 pazienti affetti da malattie cardiovascolari, sono confortanti perché si riferiscono  a un farmaco davvero molto diffuso, forse il più diffuso al mondo, e all’incidenza di forme tumorali piuttosto frequenti.

Antinfiammatorio e antiaggregante

Il principio attivo del farmaco, l’acido acetilsalicilico, svolge una forte azione antinfiammatoria e antiaggregante insieme. L’aspirina, dunque, impedisce la proliferazione incontrollata di cellule.

 

da sapere!

Lo scopo ora, alla luce dei risultati ottenuti su scala mondiale, è quello di confermare questo ruolo protettivo anche su altri tipi di tumore diffusi, come quello al seno.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti