Tumori della prostata: svelata la mappa dei geni responsabili

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/11/2015 Aggiornato il 10/11/2015

La mappa delle mutazioni genetiche coinvolte nei tumori alla prostata aiuterà a personalizzare le cure, salvando la vita a molti uomini

Tumori della prostata: svelata la mappa dei geni responsabili

I geni responsabili del tumore alla prostata sono stati decifrati. Grazie a questa scoperta, sarà possibile mettere a punto farmaci più mirati per combattere questa malattia che oggi colpisce circa 42mila italiani ogni anno. Il tumore della prostata è la neoplasia più frequente nel sesso maschile e rappresenta oltre il 20% di tutti i tumori diagnosticati a partire dai 50 anni di età. L’anticipazione diagnostica permette un trattamento tempestivo, ma spesso l’identificazione della malattia arriva troppo tardi.

Identificati i geni coinvolti

La mappa genetica messa a punto da ricercatori britannici e americani può aiutare ad anticipare la diagnosi. L’hanno chiamato la “Stele di Rosetta” e consiste in un elenco completo delle mutazioni genetiche coinvolte nello sviluppo di tumore alla prostata metastatico. Grazie al fatto che i geni responsabili del tumore alla prostata sono stati decifrati, si possono personalizzare le cure a seconda delle alterazioni genetiche presenti nel tumore.

Coinvolti anche in altri tumori

I ricercatori hanno raccolto i campioni di 150 malati con carcinomi alla prostata metastatici resistenti ai trattamenti standard. In quasi due terzi, sono state identificate alterazioni di una molecola che interagisce con l’ormone maschile androgeno. Il 20% aveva mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2, noti per il ruolo nello sviluppo del cancro al seno e all’ovaio. Studi dell’Institute of Cancer Research e al Royal Marsden di Londra hanno messo in luce che questa categoria di neoplasie alla prostata può essere curata con i medicinali PARP-inibitori. Inoltre sono state individuate mutazioni nuove per il cancro alla prostata, tra cui quelle legate ai geni PI3K e RAF, contro i quali esistono già cure in sperimentazione.

Più facile individuare chi è a rischio

Gli scienziati hanno compiuto un’analisi completa del genoma: i geni responsabili del tumore alla prostata sono stati decifrati ed è emerso che l’8% dei partecipanti era nato con errori del DNA che li predisponevano a sviluppare un carcinoma prostatico. La mappa servirà, dunque, anche a individuare le persone da sottoporre a screening genetico. A differenza di altre forme tumorali, infatti, per queste malattie non esiste un programma di screening di massa. La malattia non ha sintomi specifici e ben definiti. Per questo, molte volte, si arriva a una diagnosi tardiva. Delle 35mila nuove diagnosi che si registrano ogni anno in Italia, circa la metà interessa un uomo ultra60enne. 

 

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

 Quasi il 90% degli uomini con tumore alla prostata presenta mutazioni genetiche. La sopravvivenza per questi tumori si attesta oggi intorno al 91% a 5 anni dalla diagnosi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutto è ok, ma la gravidanza non si annuncia

21/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragioni per le quali una donna fatica a rimanere incinta sono numerose: l'età matura è una delle principali.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti