Un papà troppo disordinato!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/09/2013 Aggiornato il 19/09/2013

  Quella dell’ordine è una prerogativa più femminile che maschile. Talvolta, però, il papà è davvero troppo disordinato. Ecco come rimetterlo “in riga”

Un papà troppo disordinato!

 

La vostra casa sembra un campo di battaglia e la colpa non è del bebè? Niente paura. Il vostro non è l’unico partner disordinato. Sono molti i papà che appoggiano oggetti e capi d’abbigliamento dove capita: i calzini sotto il letto, i pantaloni sulla sedia, la maglia sulla lavatrice e così via. Renderli più collaborativi, però, è possibile. Ecco come.

Quando è bene intervenire

Tendenzialmente (ma non mancano le eccezioni), ad apprezzare l’ordine, la pulizia e la cura dei dettagli sono più le donne degli uomini. Questo non significa, però, che a lui sia concesso “tutto”. Se il papà è davvero troppo disordinato, meglio correre ai ripari. Altrimenti fra lui e i bambini, magari viziati la mamma rischia di dover fare un lavoro triplo. 

Parlare con calma del problema

Se lui è disordinato, il primo consiglio è di parlargli con calma del problema. Se possibile, evitare le scenate e gli scatti di ira, che rischiano solo di far litigare la coppia e indisporre l’uomo. Lei dovrebbe spiegargli con tranquillità che vorrebbe una casa meno caotica, ma che ha bisogno della sua collaborazione perché da sola non riesce.

Riservargli uno spazio

Se nonostante le spiegazioni e i buoni propositi il partner non cambia atteggiamento e rimane svogliato e pigro anche sul versante faccende di casa, si può passare all’azione. È utile riservargli uno spazio tutto suo in casa, come uno sgabuzzino, una zona dell’armadio, una parte della lavanderia e invitarlo a riporre tutte le sue cose lì. Quando non troverà più nulla, sarà costretto a riordinare.

Non sistemare al posto suo

Resistere alla tentazione di raccogliere gli oggetti che il partner dissemina per casa. E alla domanda “Cara, hai visto dove sono le chiavi (gli occhiali, i pantaloni, le scarpe e così via)?”, rispondere con un semplice “Non ne ho proprio idea”. Dopo qualche giorno, è probabile che l’uomo si decida a raccogliere e rimettere a posto le sue cose.  In alternativa, si possono accumulare tutti i suoi oggetti in un unico luogo, creando una sorta di “montagna”. Quando non avrà più calzini puliti da indossare e non saprà che fine ha fatto il suo portafoglio, forse capirà che deve cercare di riporre le sue cose con più attenzione. 

In breve

E SE È LEI A PRETENDERE TROPPO?

Il papà è davvero troppo disordinato? Talvolta, è la donna a essere un po’ “maniacale”. Per questo, è bene farsi un piccolo esame di coscienza: lui può non essere perfetto, ma anche lei può avere qualche colpa. In questo caso, meglio incontrarsi a metà strada. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti