Razzismo: xenofobi non si nasce (ma si può diventarlo)

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/01/2013 Aggiornato il 16/01/2013

Si parla molto di razzismo in questi giorni, dopo gli ultimi, vergognosi cori contro il calciatore Boateng. E si riapre il dibattito su come arginare altri episodi di intolleranza. Dagli Usa, intanto, arriva una ricerca...

Razzismo: xenofobi non si nasce (ma si può diventarlo)

Non si è ancora spenta l’eco degli odiosi cori razzisti rivolti al calciatore ghanese Kevin-Prince Boateng durante la partita amichevole Pro Patria – Milan. E mentre il mondo del calcio si interroga su come gestire nuovi episodi di razzismo, fa riflettere uno studio che arriva dagli Stati Uniti condotto su 32 bambini americani ma con diverse origini razziali, tra i 4 e i 16 anni di età.
Un team di ricercatori in neuroscienze della University of California, sede di Los Angeles, ha sottoposto i giovanissimi a una risonanza magnetica nel momento in cui visionavano un catalogo fotografico con le immagini di persone dal colore della pelle prima uguale e poi differente dal loro.
Non è la prima volta – per questo genere di ricerche – che si utilizza lo strumento della risonanza magnetica, che consente effettivamente di verificare eventuali cambiamenti nell’area cerebrale di chi è sottoposto al test.

Due teorie opposte

La ricerca americana si inserisce nel dibattito, sempre piuttosto acceso, sugli origini del razzismo e che ha visto confrontarsi, negli anni, due linee di pensiero opposte: quella che considera il razzismo un fatto culturale, legato alla socializzazione, e quella che al contrario sostiene come la xenofobia sia innata in ognuno di noi. Ed è proprio quest’ultima teoria che sembra essere smentita dalla ricerca statunitense: davanti alle foto di persone “diverse da loro”, i bambini non hanno mostrato attività cerebrali inconsuete. In particolare, è stato analizzato il comportamento dell’amigdala, quell’area del cervello che fa da centro di integrazione ai percorsi neurologici superiori, come le emozioni; anch’essa non ha evidenziato modifiche.

Qualcosa cambia dopo i 14 anni

Dai risultati di questa ricerca è possibile ricavare altre interessanti considerazioni. Innanzitutto, che qualche variazione dell’amigdala davanti al “diverso da sé” compare dopo i 14 anni di età (come è emerso anche da altre recenti ricerche analoghe), e poi che le reazioni mutano a seconda delle origini razziali e geografiche dei ragazzini. In particolare – come era facilmente prevedibile – non sembrano mostrare segni di razzismo i giovani provenienti da famiglie miste o con antenati di altre etnie.

In breve

All'inizio… non ci sono differenze

Uno studio americano, condotto su bambini dai 4 ai 16 anni di età, i cui esiti sono stati pubblicati sul Journal of Cognitive Neuroscience, ha rivelato come nei più piccoli non scatti alcuna reazione nel loro cervello quando incontrano persone “diverse da loro”. Dopo i 14 anni, invece…

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti