8 marzo: lavoretti infanzia e primaria e filastrocche per i bambini

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 06/03/2024 Aggiornato il 06/03/2024

La Festa della Donna è l'occasione per ricordare quanto sia importante la figura della donna: vediamo insieme come parlarne ai nostri bambini, i lavoretti 8 marzo più belli e le filastrocche da imparare insieme!

8 marzo: lavoretti infanzia e primaria e filastrocche per i bambini

L‘8 marzo tutto il mondo (o quasi) festeggia la Festa della Donna, che a livello internazionale è conosciuta con il nome di International Women’s Day. Si tratta di una ricorrenza molto significativa, in cui si ricordano le lotte delle donne per conquistare i loro diritti e per focalizzarsi sui traguardi ancora da raggiungere in questo senso. È sicuramente bene raccontare ai nostri bambini la storia dell’8 marzo fin da quando sono piccoli, ma in maniera adatta alla loro età.

Perché la Festa della Donna si festeggia l’8 marzo?

Uno dei motivi per cui si celebra la Festa della Donna l’8 marzo è per ricordare l’incendio, nel 1911, in una fabbrica tessile di New York in cui persero la vita oltre 100 donne, che stavano protestando per le precarie condizioni in cui erano obbligate a lavorare.
Il secondo evento legato a questa festa vede di nuovo le donne in prima linea in difesa dei propri diritti: l’8 marzo 1917 migliaia di operaie russe scesero in piazza a San Pietroburgo per protestare contro lo zar e i grandi sacrifici che il suo regime stava imponendo al popolo a causa della partecipazione russa alla Grande Guerra. La festa ufficiale nacque però solo nel 1977, quando l’Onu propose di dedicare l’8 marzo alla celebrazione delle donne di tutto il mondo.

L’8 marzo spiegato ai bambini

Spiegare le origini della Festa della Donna ai bambini potrebbe non essere semplice, dal momento che sono chiamati in causa concetti che possono apparire complicati ai più piccoli. Ai bambini si può però spiegare che questa giornata serve per ricordare che uomini e donne sono uguali: hanno gli stessi diritti e le stesse opportunità.

Non ci sono quindi “lavori da maschio” e “lavori da femmina”: per ricordarglielo basterà raccontare loro le storie di alcune grandi donne come ad esempio Marie Curie, scienziata e prima donna premio Nobel per la fisica nel 1903, l‘attivista Rosa Parks che si battè per i diritti delle persone di colore oppure la “nostra” astronauta Samantha Cristoforetti. Tutte queste donne sono accomunate dal fatto di essere riuscite ad eccellere in campi considerati prevalentemente maschili. Ne possiamo approfittare per far riflettere i nostri bimbi sul fatto che ci sono ancora lavori ai quali alle donne è difficile accedere o che in alcune parti del mondo le donne non sono libere di andare a scuola, di lavorare o di indossare ciò che vogliono. Queste riflessioni possono portare i nostri bimbi ad una migliore comprensione di cosa sia la parità di genere.

Perché si regalano le mimose?

La tradizione di regalare rametti di mimosa, gialla e solare, è tutta italiana. Ma da dove deriva? Inizialmente il fiore simbolo di questa ricorrenza era la violetta, ma in un Paese segnato pesantemente dalla Seconda Guerra Mondiale come l’Italia, la violetta risultava un fiore difficile da trovare e troppo costoso. Tre deputate del Partito Comunista – Teresa Mattei, Rita Montagnana e Teresa Noce – proposero quindi la mimosa come fiore simbolo di questa ricorrenza, dal momento che si trattava di un fiore facile da trovare e poco costoso.

Lavoretti 8 marzo scuola dell’infanzia

Non c’è modo migliore per festeggiare questa ricorrenza che con dei bei lavoretti 8 marzo adatti ai nostri bambini. Eccone alcuni da poter proporre ai più piccoli.

Il biglietto con mimosa

1

Uno dei lavoretti per l’8 marzo più semplici da realizzare, adatto anche ai bimbi della scuola dell’infanzia, è un biglietto con mimosa. Basterà piegare a metà un cartoncino bianco, per poi disegnare la forma del rametto della mimosa con un pennarello verde o ritagliando del cartoncino. I tipici pallini gialli potranno essere disegnati con un pennarello, con un pennello o con le dita oppure possono essere ottenuti attaccando dei pezzetti di carta gialla appallottolata, aiutandosi con un po’ di colla.

Il segnalibro per l’8 marzo

3

Un altro lavoretto per la Festa della Donna davvero facile da creare è un segnalibro a tema. Anche in questo caso servirà del cartoncino bianco da tagliare in forma rettangolare, da decorare poi disegnando un rametto di mimosa da arricchire con pallini gialli disegnati oppure ottenuti appallottolando piccoli pezzetti di carta crespa gialla da incollare sul cartoncino o ancora con soffici batuffoli di cotone giallo.

Un albero pieno di fiori e farfalle

per mamma

Aiutiamo il nostro bimbo a ritagliare il tronco di un albero da un foglio di carta marrone e ad incollarlo su un cartoncino bianco. A questo punto potrà creare la chioma dell’albero disegnandola a mano libera con pennelli o pennarelli, usando una spugna come se fosse uno stampino oppure ritagliando foglie, fiori e farfalle da incollare accostandoli in maniera artistica. Questo procedimento può essere replicato con qualsiasi soggetto primaverile a scelta del nostro bambino.

 

Lavoretti 8 marzo per la scuola primaria

Anche i bambini più grandi si potranno sbizzarrire in tanti lavoretti per l’8 marzo simpatici, divertenti e anche istruttivi!

I vasetti per le mimose

La mimosa è il regalo più simbolico per la Festa della Donna: perché non donare questi rametti in un vasetto decorato dai nostri bambini? Possiamo usare il supporto che si preferisce: il vasetto dello yogurt ben ripulito, un vasetto di vetro oppure una tazza bianca da poter poi riutilizzare: l’importante sarà procurarsi i colori giusti per il materiale che abbiamo scelto e poi lasciare i bambini liberi di esprimersi.

Un quadretto ricamato

I bambini e le bambine più abili potranno cimentarsi con un piccolo lavoro di ricamo. Il fiore della mimosa è abbastanza semplice da realizzare, ma servirà comunque un po’ di aiuto e di supporto da parte vostra. Il ricamo potrà essere utilizzato per fare un quadretto da appendere, un segnalibro originale oppure un bigliettino di auguri: in questo caso può essere realizzato anche direttamente sul cartoncino e non sulla stoffa.

Un collage con le immagini di donne ispiratrici

Cosa c’è di meglio per celebrare la figura della donna che un collage che racchiuda tante grandi donne della storia? Procuratevi un grande cartoncino bianco o colorato e aiutate i vostri bambini a trovare e a ritagliare le immagini di donne ispiratrici, come ad esempio Frida Kahlo, Rita Levi Montalcini, Samantha Cristoforetti, Alda Merini, Margherita Hack e tante altre ancora. Posizionatele sul cartoncini pensando a come disporle, poi incollatele sul supporto. Potete arricchire il vostro collage con frasi, citazioni, piccole applicazioni e disegni.

8 marzo filastrocche per bambini

Ci sono alcune filastrocche e poesie che possiamo leggere insieme ai nostri bambini in occasione di questa festa.

Buon 8 marzo, a tutte le donne

A quelle che non hanno il dono di un sorriso
A quelle che non hanno una carezza sulla pelle
A quelle che non conoscono la dolcezza
A quelle che in silenzio subiscono la violenza.
A quelle che non possono sciogliersi i capelli al vento
Buon 8 marzo, a tutte le donne
A quelle che abbracciano con amore
A quelle che illuminano l’anima
A quelle che parlano dentro oltre lo sguardo
A quelle che sorridono con i colori dell’arcobaleno
A tutte quelle che danno energia alla libertà della vita
(Michele Luongo)

8 Marzo

Donne, donne, donne
mamme, figlie o nonne
mogli, zie o cugine:
tutte assai carine!
Sorelle, amiche, cognate
superimpegnate,
attive e divertenti
belle e avvenenti!
Maestre, madri o spose
frizzanti e spiritose
affabili e gioiose:
vi offro le mimose!
Con pantaloni o gonne
donne, donne, donne!
(Jolanda Restano)

Donna

Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni….
Però ciò che è importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è la colla di qualsiasi tela di ragno.
Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza.
Dietro ogni successo c`e` un’altra delusione.
Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
Non vivere di foto ingiallite…
insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c`e` in te.
Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Però non trattenerti mai!!!
(Madre Teresa di Calcutta)

8 marzo

La mamma, la zia, le nonne
sono innanzitutto donne
e non solo perché portano le gonne
Sono persone forti, combattive,
loro non si atteggiano mai a dive,
ma tanto fanno anche se un po’ schive.
A volte si mettono in disparte
ma sono sempre attente
a chi arriva e a chi parte:
ci sanno fare,
l’essere sempre “vigili”
è la loro arte,
che solo la donna ha!
(Marzia Cabano)

In copertina foto di Elena Mozhvilo via Unsplash.com

 
 
 

In breve

L’8 marzo è la Festa della Donna, l’occasione per celebrare l’importanza della figura femminile. Con i nostri bambini possiamo fare tanti lavoretti 8 marzo, imparare filastrocche e soprattutto riflettere sulla parità tra uomo e donna.

 

 

 

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti