Battesimo: come organizzare la prima vera festa del bambino

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 31/01/2012 Aggiornato il 31/01/2012

La festa del battesimo è un momento molto importante da organizzare in tutti i dettagli: dagli inviti a parenti e amici alle bomboniere

Battesimo: come organizzare la prima vera festa del bambino

Il battesimo è un rito religioso, oltre che una festa famigliare. Chi però non desidera celebrare il battesimo per il proprio bambino, non deve rinunciare a organizzare una festa di benvenuto. Di solito, comunque, il bambino è battezzato dopo almeno due o tre mesi. Il parroco comunicherà ai genitori il calendario dei giorni in cui avverranno i battesimi comunitari e chiederà alla coppia di fissare alcuni incontri preparatori, ai quali, in alcune parrocchie, devono partecipare anche i padrini e le madrine.

Come si svolge la cerimonia

Il battesimo è di norma comunitario, cioè si svolge in chiesa insieme ad altre famiglie. Di solito si celebra la domenica, in date prestabilite dalla parrocchia, la mattina o il pomeriggio. Chi desidera celebrare la cerimonia singolarmente o recarsi in un’altra parrocchia, deve chiedere il nullaosta al parroco. La cerimonia dura circa un’ora, e i padrini e le madrine devono stare in prossimità dell’altare, vicino ai genitori e al bebè. Spetta alla mamma e al papà offrire un contributo al parroco per aver celebrato il sacramento.

Padrino, madrina: come si scelgono?

Ogni bambino deve avere una madrina e un padrino per il giorno del battesimo. Si tratta di figure importanti, che assumono un valore simbolico nella vita del neonato, perché hanno il compito di guidare il bambino durante la sua vita. È buona norma avvisare i padrini e le madrine almeno con un mese in anticipo.

Abiti: sobri per i genitori, pratici per il bebè

Oggi non si usa più vestire il piccolo con sontuosi abiti di pizzo.
Anche per i genitori è opportuno optare per uno stile sobrio ma elegante. Per la mamma è indicato un abito chiaro o blu, per esempio un tailleur. Di norma, non sono adatti il nero, il viola e il rosso. Il papà può indossare un abito blu o grigio, con camicia bianca e cravatta.

Pranzo o rinfresco?

Se il battesimo si celebra alla mattina, si può offrire il pranzo agli invitati al ristorante o a casa; se la cerimonia è di pomeriggio, si può optare per un rinfresco a casa. Se la propria abitazione è piccola per ospitare gli invitati, si può affittare un salone dove allestire il rinfresco.

Le bomboniere

Almeno 15 giorni prima del battesimo vanno scelte le bomboniere da distribuire a fine pranzo o rinfresco. Esse andrebbero consegnate anche a chi, pur non partecipando al battesimo, abbia inviato un regalo al piccolo. Al padrino e alla madrina è buona usanza regalare una bomboniera particolare. Prima della conclusione della festa, si usa consegnare ai presenti anche dei confetti sciolti, in segno di buon auspicio.

I doni

Gli invitati devono consegnare i loro doni a fine rinfresco o dopo il pranzo. Di solito, si usa donare al bambino oggetti preziosi, come braccialettini o medagliette in oro o argento, o articoli di puericultura (accordandosi magari con i genitori per sapere di che cosa hanno bisogno).
Se non si è molto intimi, si può optare per doni meno impegnativi, ma comunque graditi, come un album fotografico, un oggetto realizzato a mano o una tutina per il neonato.

In breve

L'organizzazione del battesimo

Rito religioso e festa famigliare. Come si svolge la festa, la scelta di madrina e padrino, gli abiti, il rinfresco e i doni per il piccolo.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti