La tradizione della Befana: come spiegarlo ai bambini e cosa preparare

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 02/01/2024 Aggiornato il 03/01/2024

La tradizione della Befana è davvero antica, ma come raccontarla ai nostri bambini? Vediamo insieme tutto quello che c'è da sapere su questa storia affascinante!

La tradizione della Befana: come spiegarlo ai bambini e cosa preparare

La Befana è un personaggio molto amato dai nostri bambini: si tratta di una vecchietta, con un grande scialle e le scarpe rotte, che vola a cavallo di una scopa, per regalare dolcetti e piccoli doni ai bambini che sono stati buoni, mentre ai più monelli qualche pezzetto di carbone. Ma come nasce la tradizione della Befana e come spiegarla ai bambini?

Quando arriva la Befana?

Nella tradizione cristiana il 6 gennaio si celebra l’Epifania (dal greco “manifestazione, apparizione”). Questa festa, che cade 12 giorni dopo Natale, celebra la rivelazione del figlio di Dio all’umanità, rappresentata dall’arrivo dei Re Magi alla capanna di Betlemme seguendo la stella cometa e dalla loro adorazione del piccolo Gesù. A questa festa si sovrappone la figura un po’ più folkloristica della Befana, che arriva nelle case dei bambini nella notte tra il 5 e il 6 gennaio.

La storia della Befana

Nella figura della Befana probabilmente si fondono diverse figure del mondo pagano presenti fin dai tempi più antichi, ma nella tradizione cristiana più recente la sua storia si fonde con quella dei Re magi. Si narra quindi che i tre Re Magi – Baldassarre, Melchiorre e Gaspare – si misero in viaggio seguendo la stella cometa per trovare Gesù Bambino, portargli doni preziosi: oro, incenso e mirra. Ad un certo punto, però, persero la strada e si fermarono a chiedere informazioni ad una vecchietta trovata lungo la strada. La signora li aiutò e loro le chiesero di accompagnarli, ma la donna si rifiutò. Una volta partiti i Re Magi, però, la vecchietta si pentì della sua decisione, quindi riempì un cesto di dolci da regalare a Gesù Bambino e si mise sulle loro tracce. Non riuscì però a trovarli, quindi cominciò a fermarsi in ogni casa dove ci fosse un bambino per regalare dei dolcetti, sperando che uno di questi bimbi fosse Gesù Bambino. Da quel momento nacque la tradizione della Befana che va di casa in casa a portare dolcetti ai bambini.

Progetto senza titolo (5)

La tradizione della calza della Befana

Tradizionalmente, nella società contadina, le calze della Befana venivano appese sotto la cappa del camino in modo che la Befana le trovasse subito; con le dovute modifiche questa tradizione sopravvive ancora oggi. Alcuni bimbi lasciavano scarpe o stivaletti da riempire, ma quasi tutti preferivano le calze di lana perché, grazie alla loro morbidezza, si allargano facilmente contenendo più doni.

Perché la Befana porta il carbone?

A volte capita che i bimbi combinino qualche marachella. Ai più monelli la Befana porta in genere qualche pezzetto di carbone. Nella tradizione antica e in una società più povera la Befana (ma anche Babbo Natale) lasciavano ai bambini monelli del carbone raccolto nel camino stesso, che in origine era simbolo del falò e quindi del rinnovamento stagionale; simbolicamente rappresentava quindi la possibilità di ricominciare e di fare del proprio meglio nei mesi successivi.

carbone

Cosa mettere nella calza della Befana?

La Befana, per tradizione, è povera e quindi si limita a portare dolci, frutta, piccoli doni e qualche pezzetto di carbone dolce come monito per i bambini più vivaci. L’importante è riempire la calza della Befana con alimenti e giocattoli sicuri e di buona qualità. Per quanto riguarda dolci, cioccolatini e caramelle si dovrebbe puntare su prodotti di pregio e il più possibile sani, anche se questo compito potrebbe apparire arduo. Attenzione quindi ai coloranti e all’eccesso di zuccheri, se possibile scegliete caramelle e gomme sugar-free che non mettano troppo a rischio la salute dei denti. L’importante è moderare il consumo di dolci, “razionandoli” nei giorni successivi in modo da evitare scorpacciate poco salutari.

Progetto senza titolo (3)

Come si festeggia la Befana in Italia?

In tutta Italia la Befana arriva nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, quindi la mattina i bambini appena svegli corrono a controllare i doni lasciati dalla vecchietta nelle calze. Ci sono però alcuni luoghi dove per l’Epifania si seguono tradizioni particolari:

  • la regata della Befana a Venezia: il 6 gennaio lungo il Canal Grande sfilano barche e gondole con a bordo tante persone travestite da Befana o da Babbo Natale;
  • il Panevin friulano: questa è un’usanza del Friuli Venezia Giulia, dove nel giorno dell’Epifania si accendono falò di buon auspicio per attirare la fortuna. Le faville devono essere alte e dalla direzione del fumo si ricavano pronostici per l’anno nuovo;
  • il Raduno Nazionale delle Befane e dei Befani a Fornovo Taro, in provincia di Parma: la città si riempie di Befane e Befani. Tra canti e balli si eleggono Madame Befana e Mounsieur Befano.

Le tradizioni della Befana nel mondo

Ma come si festeggia la Befana nel resto del mondo? Ci sono diverse tradizioni e usanze a seconda del Paese in cui ci si reca. Eccone alcune tra le più suggestive:

  • in Spagna i bambini lasciano sulla porta di casa dell’acqua per dissetare i cammelli dei Re Magi e qualcosa da mangiare per i Re Magi stessi;
  • in Francia si prepara la Galette des Rois, una torta tipica in cui viene messa una fava: chi la trova nella propria fetta di torta sarà il re o la regina della festa;
  • in Islanda il tredicesimo giorno dopo Natale viene celebrato con una fiaccolata e una rivisitazione che vede protagonisti elfi e fate;
  • in Romania i bambini si recano di casa in casa per raccontare storie e chiedere caramelle o soldini;
  • in Germania i sacerdoti vanno di casa in casa per chiedere donazioni e per recitare preghiere o cantare canti sacri;
  • in Ungheria i bambini si vestono da Re Magi e passano di casa in casa portando con sé un presepe e ricevendo spesso soldi e dolcetti.

Conoscete le origini della Befana e dell’Epifania?

Ecco un video tutorial utile per raccontare e spiegare ai vostri bimbi chi sia la Befana e da dove arriva questa festività.

@bimbisaniebelli.it Conoscete la vera storia della Befana? Guardate questo video per poterla spiegare ai vostri bambini. #epifania #befana #dolcetti #calza #tradizione #origine #bambini #festa #bimbisaniebelli ♬ suono originale - BimbisanieBelli.it
 

In breve

La Befana è una simpatica vecchietta che passa a riempire di dolcetti le calze dei bambini. Ma come spiegare la tradizione della Befana ai più piccoli? Ecco tutto quello che c’è da sapere su questa figura antica!

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti