Elfo di Natale: la storia sulla tradizione natalizia da raccontare ai bambini e il parere della psicologa

Francesca Scarabelli A cura di Francesca Scarabelli Pubblicato il 29/11/2023 Aggiornato il 29/11/2023

Avete mai sentito parlare dell'Elf on the Shelf? Si tratta di una tradizione americana che renderà ancora più magico questo periodo. Vediamo come raccontarla ai bambini e cosa ne pensa la psicologa.

Elfo di Natale

Quello che ci avvicina al Natale è un periodo davvero magico, soprattutto per i nostri bambini che aspettano con ansia questa giornata di festa. Perché non rendere ancora più affascinante l’attesa con l’aiuto dell’elfo di Natale? Si tratta di una tradizione statunitense che piano piano sta prendendo piede anche da noi: vediamo di cosa si tratta e tutto quello che c’è da sapere!

Elf on the shelf: chi è l’elfo di Natale?

The elf on the shelf, letteralmente “l’elfo sulla mensola” è una tradizione statunitense riportata in auge nel 2004 da un libro per bambini: “The Elf on the Shelf: A Christmas Tradition”, che ha raccolto premi e riconoscimenti negli Stati Uniti. In breve, l’elfo di Natale è un esserino che compare prima di Natale nelle nostre case, tradizionalmente il Giorno del Ringraziamento (anche se in Italia si può scegliere l’1 dicembre) e che osserva il comportamento dei bambini per tutto il giorno. Di notte, poi, torna da Babbo Natale e gli racconta se i bambini si sono comportati bene oppure no. La mattina torna nelle nostre case, e qui viene la parte più divertente: i bambini dovranno trovarlo in giro per casa e scoprire le eventuali piccole marachelle che ha combinato mentre loro dormivano. Il piccolo elfo rimane fino alla vigilia di Natale quando, esaurito il suo compito, tornerà al Polo Nord insieme a Babbo Natale.

Elfo di Natale

Foto di Arif Syuhada da Pexels

Le regole del gioco e come arriva l’elfo di Natale?

Ci sono delle piccole regole che rendono il gioco più interessante, ma che ogni famiglia potrà personalizzare a seconda delle proprie esigenze e preferenze. Per esempio, l’elfo acquisterà la sua magia solo se gli verrà dato un nome e non dovrà mai essere toccato durante il giorno, quando l’elfo resta immobile. Alcune famiglie dispongono una “porticina magica” attaccata alla parete con cui l’elfo può andare e tornare dal Polo Nord per parlare con Babbo Natale. Un’alternativa è metterlo in una scatola di cartone con indirizzo di spedizione dal Polo Nord: 

Cosa dicono gli esperti?

Per molti esperti questa tradizione può avere dei risvolti positivi per i nostri bambini: può essere un modo per trascorrere del tempo con i genitori, ad esempio cercando l’elfo tutte le mattine e scoprendo le sue imprese notturne, ma anche un modo per aiutare il bambino a sviluppare il senso di responsabilità per le proprie azioni. Secondo altri, invece, un elfo che spia ogni azione dei bambini per riferirla a Babbo Natale nell’ottica di ricevere o di farsi negare dei regali non è educativa. Il fatto che ad un certo punto l’elfo sparisca, poi, può addolorare i bambini più piccoli.

Elfo di Babbo Natale, il parere della psicologa su questa tradizione natalizia

Come abbiamo visto, il tema può essere considerato un po’ controverso. Abbiamo chiesto il parere della psicologa Giulia Vistalli sulla questione.

  • Quali vantaggi ci sono a seguire questa tradizione per i bambini?

L’elfo di Natale può essere considerato un’innovazione nella tradizione, nel senso che l’elfo è un personaggio già noto nelle varie raffigurazioni che riguardano il Natale; l’innovazione consiste proprio nel far proseguire per più giorni questa immaginazione. Mi sembra che ci siano molti vantaggi, non solo per i bambini ma anche per i genitori, che possono trovare un’occasione per passare il famoso tempo di qualità con i bambini immergendosi nel loro mondo fatto di fantasia e di immaginazione. Il vantaggio principale forse è proprio questo: aiutare i genitori ad accostarsi meglio al mondo dei bambini e fare un’attività divertente insieme.

  • Come evitare di farli spaventare?

Ogni bambino è a sé e quindi spetta al genitore essere la parte responsabile di questo gioco. In che modo? Osservando la reazioni nei primi giorni e cercando di modulare sulla base della sua risposta le attività dei giorni successivi. Se quindi si nota che il bambino si spaventa o diventa ansioso oppure viene turbato dalle marachelle dell’elfo, forse è meglio ridurle e lasciare che l’elfo di Natlae sia semplicemente un’attività di nascondino o di caccia al tesoro, che consiste nel trovare dove l’elfo si è andato a nascondere, ad esempio, oppure quali oggetti della casina si sono magari modificati o quali oggetti di casa si sono spostati, ma senza dare troppa enfasi alle mascalzonate dell’elfo.

  • Come rendere piacevole l’atmosfera al risveglio?

I bambini spesso hanno bisogno che gli si parli, che gli vengano anticipati gli scenari che andranno ad affrontare. Cercate sempre di utilizzare un linguaggio molto semplice e spiegate al bambino che cosa succederà, quindi che potrà capitare che l’elfo durante la notte si muova e che ci potrebbero essere delle sorprese. È importante affrontare questa situazione con un sorriso e con tranquillità, senza proporre noi delle paure al bambino o far sentire una nota di rimprovero nel gioco; l’obiettivo è quello di cercare di trasmettere un po’ di leggerezza in questa attività da fare insieme.

Come realizzare l’elfo di Natale

L’elfo di Natale può essere un pupazzetto acquistato in negozio oppure online, ma può anche essere realizzato con il fai da te. Oltre alle versioni più tradizionali, possiamo provare a costruirlo con materiali di riciclo per un risultato unico e originale.

Elfo di Natale con i rotoli di carta igienica

Rivestite il rotolo di carta igienica con della carta verde, rossa, blu o gialla che rappresenti il vestito dell’elfo oppure dipingetelo, poi passate ai dettagli: una sciarpina di stoffa oppure di cartoncino, un cappellino con pon pon in tinta, bottoni dorati, una bella cintura e tutto quello che la fantasia vi suggerisce per rendere più bello il vostro elfo. Non dimenticate di incollare delle belle orecchie a punta!

Elfo on the Shelf con tappi di sughero

In questo caso il procedimento è simile, ma ad essere decorato sarà un tappo di sughero al posto del rotolo di carta igienica. Per dipingerlo potete usare le tempere oppure i pennarelli, per poi passare alle decorazioni che preferite.

Elfo di Natale con le pigne

L’elfo di Natale con le pigne è un’idea davvero originale e molto natalizia. Prendete una pigna e incollatevi in cima una pallina di legno che sarà la testa dell’elfo e che dovrà essere opportunamente disegnata. Con l’aiuto di un po’ di colla a caldo, “vestitela” con del pannolenci, senza dimenticare sciarpa e capello, che possono essere sempre in pannolenci. Lasciate libera la fantasia per i dettagli!

Elfo di Natale

Foto di Lisa Fotios da Pexels

Dove farlo trovare ai bambini?

La mattina i bambini potranno trovare dei piccoli disastri combinati dall’elfo durante la notte, come ad esempio il presepe in disordine, le decorazioni dell’albero di Natale per terra, scarpe mescolate e messe in disordine oppure oggetti nascosti.

elfo ruba caramelle

Non a tutti i genitori piace questo aspetto, ma sarà altrettanto divertente partire ogni mattina alla ricerca dell’elfo e trovarlo in situazioni buffe. Scatenatevi con la fantasia e provate a immaginare quali dispetti renderanno più divertente il risveglio del vostro bambino. Provate a inventare posizioni e nascondigli insoliti per il vostro elfo oppure pensate a qualche trovata originale che scatenerà ogni giorno nuova curiosità nei vostri bambini.

elfo sul frigo

Qualche esempio?

 

  • l’elfo appeso al lampadario, allo specchio, alla cappa della cucina o dove vi suggerirà la fantasia;
  • nel cassetto delle posate, sdraiato tra cucchiai e forchette;
  • nel cestello della lavatrice;
  • in frigorifero, alla ricerca del freddo polare di casa sua, magari avvolto in una piccola coperta;

elfo sulla pianta

  • sul divano con pop corn e telecomando, intento a guardare i suoi programmi tv preferiti;
  • fuori dalla finestra con un cartello in mano che recita: Aiuto, sono rimasto chiuso fuori!
  • sul lavandino mentre “sporca” tutto con il dentifricio;
  • mentre gioca o legge una storia ai peluche;
  • nascosto in mezzo all’argenteria e i soprammobili della mamma;
  • l’elfo con in mano una carota e il bigliettino Ho rubato il naso al pupazzo di neve!
  • incastrato in un barattolo o infilato nelle scarpe;
  • sommerso di carte di caramelle.

elfo legge giornale

In copertina foto di Pamjpat da Pixabay

Elfo di Natale, il nostro video

Abbiamo girato un video su come preparare i dispetti del piccolo elfo ai bambini durante l’Avvento, super utile per tutti i genitori e pieno di tante idee divertenti e buffe!

@bimbisaniebelli.it Conoscete la tradizione di "Elf on the Shelf"? Dove lo fate trovare ai vostri bambini? Seguite tutti i nostri suggerimenti. #elfontheshelf #elfodinatale #tradizioni #natale #avvento #bambini #magia #dispetti #bimbisaniebelli ♬ suono originale - BimbisanieBelli.it
 
 
 

In breve

L’elf on the Shelf, o elfo di Natale, è un esserino che terrà compagnia ai nostri bambini fino alla vigilia di Natale. Si tratta di una tradizione che viene dagli Stati Uniti: vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere!

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti