Festa della mamma: giorno, origini e idee per festeggiare

Angela Bruno A cura di Angela Bruno Pubblicato il 08/05/2024 Aggiornato il 08/05/2024

La festa della mamma si celebra in Italia sempre la seconda domenica di maggio. Com’è nata questa ricorrenza e le idee per trascorrere una giornata speciale in famiglia.

I bambini amano fare con le loro manine il regalo per la festa della mamma e poi festeggiare tutti insieme mangiando una torta fatta in casa oppure andare a fare un pic nic

La festa della mamma è una delle ricorrenze preferite dalle famiglie: si tratta, infatti, di un’occasione per celebrare una delle figure più importanti a tutte le età, e a maggior ragione per i bambini. Vediamo come nasce questa ricorrenza, l’origine della celebrazione, la scelta della data e tante idee per trascorrere una giornata speciale in famiglia.

In che giorno si festeggia?

In Italia, la festa della mamma si celebra ogni anno la seconda domenica di maggio. Come la Pasqua, dunque, è una festa “mobile”, la cui data cambia ogni anno. L’appuntamento, appunto, è sempre per maggio , mese che la religione cattolica dedica alla Madonna, la madre di tutte le madri. Tuttavia, non si tratta di una festa religiosa, bensì laica, nata per accendere le luci sulle mamme.

In passato si festeggiava l’8 maggio. Nel 2000, però, si è deciso di spostarla alla domenica centrale di maggio per varie ragioni, essenzialmente per allinearsi a quanto avviene in molti altri Paesi (come gli Stati Uniti) e per farla coincidere con un giorno festivo e permettere dunque alla famiglia di stare più facilmente insieme. Non tutte le nazioni, comunque, seguono questo calendario: nel Regno Unito, per esempio, si festeggia la quarta domenica di quaresima, in Norvegia la seconda domenica di febbraio, in Thailandia il 12 agosto e così via.

Le origini di questa ricorrenza

La festa della mamma ha origini molto antiche: secondo le fonti giunte fino ai nostri giorni, infatti, già nel mondo greco romano, nelle numerose feste legate alle divinità femminili si festeggiavano anche le mamme. Nell’età medioevale e rinascimentale, invece, la tradizione si è un po’ persa: abbiamo traccia di feste per la maternità della Madonna, la “Madre di Dio”, ma non di celebrazioni per le madri.  Per la prima festa della mamma “moderna” bisogna arrivare fino all’800, al termine della guerra civile americana, quando la pacifista Ann Reeves Jarvis promosse una serie di incontri, picnic e altri momenti conviviali per favorire l’amicizia tra le madri di Nordisti e Sudisti. Qualche anno dopo, Anna Jarvis, figlia di Ann Reeves Jarvis, probabilmente ispirata dalle gesta della madre, cominciò a organizzare una serie di appuntamenti dedicati alle madri, che raccolsero un seguito sempre maggiore, tanto che nel 1914 il presidente americano Woodrow Wilson decise di istituire la festa della mamma. Lo stesso presidente Wilson scelse di far cadere la ricorrenza la seconda domenica di maggio (periodo dell’anno in cui era morta Anna Jarvis), data che venne poi adottata da molti altri Paesi.

Festa della mamma in Italia  

In Italia, nel 1933, durante il fascismo, venne istituita la “Giornata della madre e del fanciullo”, che però aveva una ragione di tipo propagandistico, in quanto le mamme erano il fulcro della politica natalista del regime fascista.

La festa della mamma così come è intesa oggi, è nata a metà degli anni ’50, a seguito di due eventi diversi. Nel 1956 Raul Zaccari, senatore e sindaco di Bordighera (in Liguria), decise, in collaborazione con l’Ente fiera del fiore della pianta ornamentale di Bordighera-Vallecrosia, di istituire una giornata per festeggiare la mamma. L’anno successivo, invece, don Otello Migliosi, un sacerdote del borgo di Tordibetto ad Assisi, ebbe l’idea di celebrare la mamma nel suo forte valore religioso, come luogo di incontro e di dialogo delle varie culture tra loro. Da allora, ogni anno, la parrocchia di Tordibetto organizza per la festa della mamma importanti manifestazioni a carattere religioso e culturale. Dalla fine degli anni ’50-inizio degli anni ’60 la festa si è diffusa in tutta Italia ed è stata tramandata fino ai giorni nostri.

Idee per festeggiare la Festa della mamma

Che cosa fare per rendere la festa della mamma speciale? Ecco qualche idea facile, ma d’effetto.

1. Realizzare dei lavoretti creativi

La tradizione vuole che siano i bambini a preparare i doni alla mamma, da soli o con l’aiuto del papà se troppo piccoli: disegni, bigliettini, poesie, origami, mandala, filastrocche, lavoretti sono sempre molto apprezzati dalle mamme. Via libera anche agli acrostici, componimenti poetici nei quali si usano le lettere che compongono il nome della mamma per formare delle frasi. Per esempio, Viola potrebbe diventare vivace, instancabile, ottima cuoca, luce amorevole. Tantissime idee da realizzare tra i lavoretti creativi per la festa della mamma.

2. Preparare una torta

In alternativa ai lavoretti creativi, si potrebbe preparare un buon dolce, da gustare poi tutti insieme. Per esempio, la torta allo yogurt senza uova. Basta mettere un vasetto di yogurt alla vaniglia in una ciotola, aggiungere un vasetto di zucchero, un vasetto di olio di semi e mezzo vasetto di acqua frizzante. Mescolare bene e poi unire tre vasetti di farina e una bustina di lievito per dolci. Amalgamare bene. Infarinare e imburrare una tortiera, aggiungere il composto, quindi cuocere in forno a 180 gradi per circa 30 minuti. A fine cottura, lasciare intiepidire e poi aggiungere lo zucchero  a velo. Il tocco in più? Usare una tortiera a forma di cuore. Oltretutto, cucinare con i bambini è educativo e anche divertente.

3. Organizzare un picnic

Se la giornata lo permette, si può organizzare un bel picnic nel giardino di casa o al parchetto più vicino. A seconda dei gusti della mamma e delle esigenze della famiglia, si possono preparare dei semplici tramezzini o panini, oppure della pasta fredda, delle pizzette e focaccine, un’insalata di riso venere con salmone e pomodorini: non c’è che l’imbarazzo della scelta. E se piove? Niente paura, si può improvvisare un picnic casalingo, sul divano o sul tappeto della sala.

4. Regalare dei fiori

I fiori sono un grande classico: probabilmente si tratta di un regalo poco originale, ma in genere molto gradito dalle donne. Alla festa della mamma si possono regalare i fiori preferiti dalla mamma oppure si possono scegliere le varietà in base al loro significato. Per esprimere gratitudine e ammirazione, per esempio, è ottima l’Alstroermeria, l’Azalea invece esprime la femminilità e la temperanza. Regalare una Dalia equivale a dire un grazie sentito e sincero, mentre scegliere la Potentilla, che simboleggia l’amore materno, è come esprimere adorazione. La coccola in più? Accompagnare ogni dono floreale a una frase di auguri per la mamma, tra quelle d’autore più belle.

5. Ideare una sorpresa

Per una festa della mamma davvero originale, i bambini, con l’aiuto di qualche adulto, possono ideare una bella sorpresa per la mamma. Per esempio, possono allestire una sorta di beauty-farm casalinga, armandosi di maschere, oli per massaggi, sali da bagno. Oppure possono preparare un piccolo show di danza, canto, acrobazie, indovinelli, a seconda delle abilità dei componenti della famiglia. In alternativa, si può sempre acquistare un regalo online per l’occasione.

6. Fare un’esperienza insieme

Quale miglior modo di celebrare la festa della mamma se non stando tutti insieme? Per l’occasione si può regalare a tutta la famiglia un’esperienza da condividere, come una giornata a un parco divertimenti o in un museo adatto ai bambini, uno spettacolo teatrale o un film al cinema, un evento family-friendly. In molte città si possono trovare proposte adatte a tutte le età, per esempio la Scala di Milano, l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, il Teatro dei Piccoli di Napoli offrono spesso eventi musicali classici o pop a misura di bambino.

7. Partire per una gita

Se il meteo è clemente e la mamma ama trascorrere del tempo all’aria aperta e viaggiare, non c’è nulla di meglio di una bella gita fuori porta, magari anche per più giorni. Per viaggiare coi bambini in tutta tranquillità basta seguire alcune semplici regole e tutto andrà per il meglio.

 

 

 

 
 
 

In sintesi

In Italia, la festa della mamma viene celebrata la seconda domenica di maggio. Per l’occasione, i bambini possono preparare dei lavoretti o una sorpresa, come uno show con cui far divertire la loro mamma. In alternativa, si possono regalare dei fiori, cucinare una torta, organizzare un picnic o partire per una gita fuoriporta.

 

Fonti / Bibliografia

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti