Festeggia San Nikolaus con gli omini alle mele

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/12/2020 Aggiornato il 04/12/2020

In Alto Adige la notte tra il 5 e il 6 dicembre rivive un’antica leggenda: il Santo lascia ai bambini un sacchettino rosso con frutta e dolcetti. Perché non festeggiare in tutta Italia questa ricorrenza con gli omini alle mele da fare insieme ai bambini?

Festeggia San Nikolaus con gli omini alle mele

Nel folklore altoatesino legato al periodo natalizio, la festa di San Nikolaus è una delle più sentite. La tradizione, celebrata il 6 dicembre, è nata più di 500 anni fa in nord Europa e ha radici bibliche: si basa infatti sulla storia di San Nicolò di Myra e sulla parabola dei talenti. L’usanza cristiana si è conservata soprattutto nelle aree di lingua tedesca, dove viene celebrata ancora oggi. Fra queste l’Alto Adige – Südtirol.

San Nikolaus e i suoi doni

San Nikolaus, con il mantello rosso, la barba bianca, la mitra e il pastorale, dona dolci e frutta ai bambini più buoni dentro un sacchettino rosso. Ad accompagnarlo come antagonisti ci sono i Krampus, maschere terrificanti che indossano campanacci e corni, a volte armati di fruste e catene per spaventare i bambini meno bravi. In genere si organizzavano nei paesi spettacolari sfilate con Krampus e san Nicolau, che attraevano tantissimi turisti, ma quest’anno, a causa dell’emergenza sanitaria, non si potranno tenere. Lo spirito legato alla festa e a questa antica tradizione, però, può restare vivo facendo trovare ai bambini la mattina del 6 dicembre davanti alla porta di casa un sacchettino rosso pieno di frutta e dolci.

Caramelle e omini di panpepato

Dentro i sacchettini rossi portati da san Nikolau i bambini possono trovare caramelle, cioccolato, frutta e dolcetti, come gli omini di panpepato ispirati alla cultura gastronomica dell’Alto Adige. Perché non cogliere l’occasione e preparare questi deliziosi biscotti alla mela Marlene® (mele che provengono proprio dal Südtirol) in compagnia dei bambini? Con l’inconfondibile profumo speziato e le loro decorazioni colorate, gli omini di panpepato Marlene® sapranno conquistare il cuore di tutti i bambini!

La ricetta degli omini di panpepato Marlene

Ingredienti

140 g di farina, 360 g di farina di segale, 150 g di mela Marlene®, 150 g di mandorle grattugiate, 10 g di bicarbonato, 200 g di miele, 200 g di zucchero, 2 uova, 50 g di burro fuso, 1 bustina di zucchero vanigliato, scorza di limone grattugiata, 2 cl di succo di limone, 1 cl di rum, 1 cl di cannella, 1 puntina di chiodi di garofano in polvere, latte per spennellare, mandorle o nocciole intere per decorare.

Preparazione

Foderare la teglia con la carta da forno. Mescolare la farina, la farina di segale, le mele Marlene® grattugiate, le mandorle e il bicarbonato. Scaldare leggermente il miele e lo zucchero, quindi impastare con le uova, il burro fuso, lo zucchero vanigliato, la scorza e il succo di limone, il rum, i chiodi di garofano in polvere e il composto ottenuto in precedenza, fino a ottenere una massa compatta. Coprire e far riposare in frigorifero per almeno 12 ore. Impastare di nuovo leggermente, stendere la pasta con uno spessore di circa 1 cm, ritagliare delle forme a piacere e spennellarle con del latte, eventualmente decorare con mandorle o nocciole e cuocere nel forno preriscaldato a 180 gradi centigradi per 6 minuti circa. Un consiglio speciale: glassare con zucchero a velo. Il pan pepato può essere decorato anche con glassa colorata e guarnito con mandorle, pistacchi, perline colorate e così via.

 

 
 

Forse non sapevi che…

Le mele Marlene® sono chiamate anche figlie delle Alpi, perché crescono in Alto Adige, dove ci sono 300 giorni di sole all’anno. L’ambiente in cui crescono, freddo di notte e caldo di giorno, rigido d’inverno e mite d’estate, regala loro un gusto unico.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti