Festa della mamma: il primo regalo è l’allattamento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/05/2018 Aggiornato il 11/05/2018

La mamma che allatta fa il regalo più grande al proprio figlio. Nel mondo, ancora troppi bambini non vengono allattati al seno. 1 su 5 nei Paesi ad alto reddito, una percentuale ancora troppo alta... E a dirlo è l'Unicef

Festa della mamma: il primo regalo è l’allattamento

Il miglior modo di festeggiare la festa della mamma è ricordarsi di quanto sia importante l’allattamento al seno. Sui vantaggi della nutrizione materna sono tutti d’accordo, ma ancora troppe mamme decidono di non allattare e non per problemi di salute. E nei Paesi più ricchi.

A rischio dove c’è maggiore ricchezza

Secondo un nuovo studio dell’Unicef, il numero di bambini che non vengono allattati al seno resta ancora alto, in particolare nei paesi più ricchi. Nel mondo, circa 7,6 milioni di bambini ogni anno non vengono allattati. Lo studio mostra che, anche se il latte materno salva vite, protegge i bambini e le madri da malattie letali e contribuisce a raggiungere un QI più alto e risultati scolastici migliori, circa il 21% dei bambini nei paesi ad alto reddito non sono mai stati allattati al seno. Nei paesi a basso e medio reddito questo tasso è del 4%.

Poco in Irlanda e Stati Uniti

Lo studio mostra che i bambini hanno probabilità maggiori di essere allattati almeno una volta nei paesi a basso e medio reddito, come Bhutan (99%), Madagascar (99%) e Perù (99%), rispetto a quelli nati in Irlanda (55%), Stati Uniti (74%) o Spagna (77%). In Italia questa percentuale è dell’86%, in Germania dell’82%, nel Regno Unito 81% e in Spagna 77%, superate dai paesi del Nord Europa, come Finlandia (92%), Norvegia (95%) e Svezia (98%). Solo negli Stati Uniti vive quasi oltre un terzo dei 2,6 milioni di bambini dei paesi ad alto reddito che non sono mai stati allattati.

HAI DUBBI SULL’ALLATTAMENTO? VAI ALLA NOSTRA SEZIONE DEDICATA

 

 

Da sapere

IL MIGLIOR REGALO ANCHE A SE STESSA

“L’allattamento è il miglior regalo che una madre, ricca o povera, possa fare al suo bambino e a se stessa”, ha dichiarato Shahida Azfar, Vicedirettore generale ad interim dell’Unicef.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Forte raffreddore e un episodio di febbre a inizio gravidanza: ci sono rischi?

12/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Nessuno studio finora si è rivelato conclusivo circa la relazione tra comparsa della febbre e malformazioni nel feto.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti