Halloween, come e perché festeggiare

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 31/10/2018 Aggiornato il 31/10/2018

Halloween è una festa che sta diventando sempre più conosciuta e celebrata anche da noi. Dal Dolcetto o scherzetto fino alla lanterna intagliata, ecco come e perché festeggiarla. Senza troppa paura ma anzi trasformandola in un’occasione per stare insieme e divertirsi

Halloween, come e perché festeggiare

Che cos’è Halloween? Perché si celebra? E soprattutto come si festeggia? Se un tempo Halloween si vedeva solo nei film americani, ecco tutto quello che c’è da sapere su questa festa sempre più anche italiana. Con un solo obiettivo: divertirsi senza troppa paura.

La notte del 31 ottobre

Si tratta di una festa popolare che si festeggia la notte tra il 31 ottobre e il 1° novembre con scherzi e travestimenti lugubri e portando in processione zucche intagliate e illuminate all’interno. Nonostante si pensi subito agli Stati Uniti, in realtà le sue origini sono celtiche. Il nome deriva dalla parola celtica ‘All Hallows Eve’, che significa la vigilia di tutti i Santi, diventata poi Halloween, una parola a sè. Nella cultura celtica il 1° novembre era il giorno in cui cominciava il nuovo anno e con il quale terminava ufficialmente la stagione estiva. Serviva quindi a festeggiare la fine dell’estate e del lavoro nei campi e l’inizio dell’inverno, cercando di propiziarsi la stagione fredda, chiamando in aiuto anche gli spiriti dei morti.

Dolcetto o scherzetto?

Dai riti celtici risale anche la tradizione del “trick or track”, dolcetto o scherzetto. I Celti lasciavano davanti alla porta di casa cibo e latte per ingraziarsi gli spiriti maligni, così evitavano anche gli scherzi che gli spiriti, buoni e cattivi, potevano eventualmente far loro. Da qui, negli Stati Uniti e ora anche in Europa e in Italia, la tradizione dei bambini di andare di porta in porta mascherati da spiriti e chiedere “dolcetto o scherzetto?”.

Jack o’ Lantern

La zucca intagliata con sembianze umane chiamata Jack o’ Lantern risale probabilmente alla leggenda irlandese del dicottesimo secolo di un fabbro di nome Jack, noto ubriacone che, sprezzante del pericolo, sfidò Satana fino a soggiogarlo al proprio volere. Per questo la zucca decorata viene esposta fuori dalle case la notte del 31 ottobre, così da dimostrare che non si teme nulla.

Menu a tema

Per festeggiare Halloween, è tradizione preparare ricette a base di zucca, come la famosa Pumpking Pie americana, la torta di zucca, e poi ricette dalla presentazione spaventosa, come mostri, scheletri e ragni.

Da sapere!

NEI PARCHI DI DIVERTIMENTO

Per festeggiare Halloween ormai anche i principali parchi di divertimento si sono attrezzati con allestimenti a tema horror. Da segnalare per esempio Leolandia (foto di apertura), vicino a Bergamo, specializzata per i più piccoli con i personaggi dei cartoni preferiti travestiti da mostri, Mirabilandia, vicino a Ravenna, che presenta attrazioni specifiche davvero paurose per grandi (anche a partire dai 16 anni) e piccoli, e poi e Gardaland, vicino a Verona, con spettacoli a tema Halloween di tutti i tipi, anche musicali.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Beta-bloccanti in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

11/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fortuna vuole che siano disponibili farmaci che regolarizzano il ritmo cardiaco (e quindi la pressione sanguigna) compatibili con la gravidanza: spetta al cardiologo indicare quale terapia è corretto seguire perché tutto vada per il meglio.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti