Per i giochi di Natale scegli i prodotti con i marchi di sicurezza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/12/2013 Aggiornato il 03/12/2013

Mamma e papà non devono fare attenzione solo a quanto costano. Quando scelgono i giochi di Natale devono controllare anche i marchi di sicurezza

Per i giochi di Natale scegli i prodotti con i marchi di sicurezza

Probabilmente sono uno degli aspetti più sottovalutati al momento della scelta. Invece, i marchi di sicurezza dovrebbero essere in cima alla lista dei criteri da tenere presenti quando si acquistano i giochi di Natale per i bambini. Infatti, danno grandi garanzie sulla innocuità del prodotto.

Il marchio CE

Innanzitutto, mamma e papà devono controllare che sulla confezione dei giochi di Natale sia presente la marcatura CE, con cui il fabbricante attesta la conformità del giocattolo alle prescrizioni di legge. Infatti, sebbene talvolta possa essere contraffatto, il marchio CE è comunque un indice di garanzia del prodotto. Spesso i giochi made in Cina lo riportano, ma in questo caso indica China Export. Occorre quindi fare molta attenzione al momento dell’acquisto!

Quelli facoltativi

Se possibile, poi, è meglio preferire i giochi di Natale che hanno anche le certificazioni volontarie, che non sono obbligatorie per legge e possono essere richieste dalle aziende produttrici. I due più conosciuti sono il marchio IMQ, dell’Istituto italiano del marchio di qualità, e quello Giocattoli sicuri, rilasciato dall’Istituto Sicurezza del Giocattolo. Questi marchi di sicurezza garantiscono che il prodotto è stato controllato nelle varie fasi di produzione da un ente di certificazione. I controlli di sicurezza di questa società si estendono anche i parchi gioco.

Come funzionano

Gli enti indipendenti, prima di apporre il marchio, valutano il prodotto in laboratorio, nella fase di produzione e, a campione, nei negozi, sottoponendolo a prove fisiche, meccaniche, elettriche, igieniche, chimiche, di infiammabilità e di radioattività. Difficilmente, dunque, un gioco dotato di tali marchi è tossico, nocivo o comunque pericoloso.

Le altre indicazioni

Per sapere se un gioco è davvero sicuro, bisogna fare attenzione non solo ai marchi di sicurezza, ma anche alle indicazioni che appaiono sulla confezione. In particolare dovrebbero esserci:

– il nome e/o la ragione sociale e/o il marchio, più l’indirizzo del fabbricante o del responsabile dell’immissione sul mercato;

– le istruzioni d’uso;

– le fasce d’età a cui è destinato il giocattolo e le eventuali precauzioni d’uso per il montaggio e la manutenzione;

– la scritta “attenzione: da usare sotto la sorveglianza degli adulti”, nel caso in cui il giocattolo riproduca un apparecchio destinato agli adulti e per i giocattoli che contengono prodotti chimici;

– eventuali avvertenze specifiche legate al tipo di giocattolo (come “Attenzione: non adatto ai bambini di età inferiore ai 36 mesi”). 

In breve

UN AIUTO ALL'ACQUISTO

I marchi di sicurezza rappresentano un aiuto importante per i genitori: infatti, permettono a mamma e papà di scegliere i giocattoli presumibilmente più innocui per la salute del figlio. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti