Giorno della Memoria: come spiegarlo ai bambini

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 26/01/2024 Aggiornato il 22/02/2024

Ricorrenza internazionale estremamente importante e da valorizzare, il Giorno della Memoria è importante anche per la crescita dei bambini. Vediamo come spiegarlo in base all'età: metodi e parole più adatte.

Giorno della Memoria: come spiegarlo ai bambini

Onorare al meglio il Giorno della Memoria significa anche trasmetterne i valori ai più piccoli. Non si tratta di un’operazione semplice, ma oggi più che mai, risulta necessaria per non smettere di imparare dal passato e formare al meglio le generazioni del domani.

Che cos’è il Giorno della Memoria

Ricorrenza internazionale che si celebra ogni 27 gennaio, giorno che nel 1945 vide la liberazione dei superstiti del campo di concentramento di Auschwitz, il Giorno della Memoria commemora le vittime dell’Olocausto condotto durante la Seconda Guerra Mondiale da nazisti e fascisti nei confronti degli ebrei, dei dissidenti e di altre minoranze.

Si tratta di una ricorrenza e un’occasione importante per riflettere, tenere viva e onorare la memoria di quanti persero la vita in quel terribile periodo storico. Per questo, in occasione di questa giornata è fondamentale spiegare ai bambini in modo delicato ma sincero, il reale significato di questa preziosa ricorrenza.

Quali concetti spiegare ai bambini, in base all’età

Approcciare l’argomento Giorno della Memoria, così come abbiamo già visto con la guerra, con i più piccoli non è così semplice e immediato. Possiamo iniziare a parlarne dando il giusto valore a questo giorno, raccontando che è stato istituito con l’intento di onorare e tenere vivo il ricordo di vittime innocenti di una guerra senza senso. Con i più grandicelli possiamo anche introdurre concetti più complicati e “crudi” quali Olocausto, campi di concentramento e persecuzioni razziali.

Ovviamente, già in queste poche righe abbiamo toccato tematiche estremamente delicate e utilizzato una terminologia nella maggior parte dei casi difficile da “maneggiare” con i più piccoli. Ecco perché, spiegare con calma e modulare al meglio le argomentazioni è fondamentale per permettere ai bambini di ogni età di comprendere il valore del Giorno della Memoria e perché è importante onorarlo. Permettiamo loro di assimilare l’importanza del ricordo e lavoriamo per far sì che una ricorrenza così significativa possa risultare fondamentale per trarre insegnamenti preziosi, come la diversità, la pace e il rispetto verso il prossimo.

Una buona idea potrebbe essere quella di raccontare storie di coraggio e solidarietà, facendosi aiutare dai numerosi libri sul tema (L’amico ritrovato, Il diario di Anna Frank, giusto per citare quelli che con maggiore facilità possiamo trovare sugli scaffali delle nostre librerie di casa). Usiamo termini semplici e rispondiamo in modo sincero a tutti i loro perché, magari stringendoli nel mentre in un abbraccio. È fondamentale, infatti, non sminuire l’accaduto e sottolineare l’insegnamento che questa triste storia ci lascia, accompagnando i bambini a ragionare sul suo reale valore.

Attraverso le gesta di persone che hanno aiutato gli altri, che hanno difeso i diritti umani e che hanno resistito all’ingiustizia, possiamo ispirare i bambini a essere più gentili, compassionevoli e a opporsi all’ingiustizia. Se ne hanno voglia, poi, permettiamo ai piccoli di esprimersi anche attraverso il disegno e lasciamo che esternino le proprie emozioni in libertà. In questo modo, agevoleremo la loro comprensione della storia e stimoleremo lo sviluppo del loro senso di empatia, tolleranza e accettazione degli altri.

Spiegare il Giorno della Memoria a bambini in età prescolare

Ma è davvero possibile affrontare il tema della Giornata della Memoria in età prescolare ? In un certo senso, sì. Infatti, possiamo sfruttare la ricorrenza presentandola in modo semplificato come un giorno importante in cui si ricordano le storie del passato per capire meglio valori come la gentilezza e l’amicizia. Il Giorno della Memoria diventa così occasione per socializzare e capire la ricchezza che si cela dietro le diversità e ogni gesto gentile. Per dare un segno tangibile, fin da questa età, possiamo decidere di accendere insieme una candela, o più.

Foto di Arcaion via Pixabay.com

Foto di Arcaion via Pixabay.com

Spiegare il Giorno della Memoria a bambini dai 7 ai 10 anni

Per i bambini nei primi anni di scuola, possiamo introdurre il concetto di “periodo difficile” della storia e quello di Olocausto, facendo riferimento alla Seconda Guerra Mondiale e alle tante ingiustizie che questa portò con sé per moltissime persone. Anche in questo caso, tratteggiato il contesto, è fondamentale focalizzare l’attenzione sul valore del Giorno della Memoria come insegnamento al rispetto degli altri e al cercare di dire no a comportamenti sbagliati.

Spiegare il Giorno della Memoria a bambini dagli 11 ai 14 anni

Con i ragazzini di età compresa tra gli 11 e i 14 anni, affrontare il tema Giorno della Memoria vuol dire condividere in modo più esplicito la sofferenza che le popolazioni perseguitate vissero sulla propria pelle durante l’Olocausto. Al tempo stesso, è importante ripercorrere l’intera serie di avvenimenti che condusse a quel periodo buio e far capire loro il peso reale di scelte sbagliate e le conseguenze che queste hanno comportato.

Questo è importate per permettergli di crescere come persone e cittadini onesti e rispettosi. Si può discutere insieme su come contrastare comportamenti poco equi e giusti, consultare i libri di storia, guardare film sul tema come La vita è bella di Roberto Benigni e, soprattutto, ragionare per promuovere la diversità, lavorando insieme anche nei piccoli gesti di ogni giorno per un mondo più inclusivo.

Spiegare il Giorno della Memoria ai ragazzi oltre i 15 anni

Continuare a onorare al meglio il Giorno della Memoria, condividendolo con le ragazzi e i ragazzi anche durante l’adolescenza (e oltre) è molto importante. Parlare con loro, avviare un confronto costruttivo sul tema, magari organizzare una visita nei luoghi della memoria, permette di percepire al meglio il valore di questa ricorrenza e contribuisce in modo decisivo nel percorso di crescita di giovani donne e giovani uomini retti e consapevoli del valore della vita e del rispetto degli altri.

Perché è importante spiegare il Giorno della Memoria ai bambini

Spiegare il Giorno della Memoria a bambini e ragazzi è cruciale per diversi motivi. In prima battuta, perché, come detto, contribuisce a plasmare la loro comprensione del mondo, promuovendo valori fondamentali e offrendo lezioni preziose sulla storia e sull’umanità. Spiegare ai più piccoli il Giorno della Memoria offre, inoltre, loro l’opportunità unica di apprendere dagli errori del passato e capire quanto possano essere gravi le conseguenze dell’odio, della discriminazione e dell’intolleranza. Insegnare che l’ignoranza e la mancanza di rispetto per la diversità possono portare a conseguenze devastanti è fondamentale per formare cittadini responsabili e consapevoli.

Raccontare storie di coraggio e solidarietà stimola, poi, sentimenti di vicinanza e comprensione per coloro che hanno sofferto, incoraggiando i bambini a sviluppare un senso di empatia verso gli altri e ad apprezzare il valore dell’aiuto reciproco nella costruzione di una società migliore. Illustrando come la diversità culturale, religiosa ed etnica sia preziosa, riusciamo a promuovere il rispetto per le differenze e si contrasta la discriminazione. Questo contribuisce a formare individui aperti mentalmente e pronti a celebrare la pluralità e la diversità come valori preziosi.

La spiegazione del Giorno della Memoria ai bambini concede, infine, la possibilità di parlare di diritti umani e della loro difesa, così da permettere ai più piccoli di comprendere come ogni individuo abbia il diritto a essere trattato con dignità e rispetto. Perché, spiegare il Giorno della Memoria ai bambini non è solo un atto educativo essenziale, ma un vero e proprio investimento nel futuro.

In copertina foto di igorovsyannykov via Pixabay.com

 
 
 

In breve

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza importante e che necessita delle giuste parole e accortezze per essere spiegata ai bambini.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti