Tanti auguri nonni: il 2 ottobre è per voi!

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 02/10/2019 Aggiornato il 02/10/2019

In occasione del 2 ottobre, la festa dei nonni, una ricerca ricorda quanto queste figure sono importanti nelle famiglie di oggi

Tanti auguri nonni: il 2 ottobre è per voi!

Dedicare loro una ricorrenza e un’intera giornata di festeggiamenti è davvero il minimo che si possa fare. I nonni, infatti, sono un vero e proprio pilastro delle famiglie italiane, un aiuto insostituibile per i figli e una ricchezza inestimabile per i nipoti. L’ennesima conferma arriva da una ricerca che l’azienda Nonno Nanni ha commissionato a BVA Doxa proprio in occasione del 2 ottobre, data che celebra la festa dei nonni, da cui emerge il grandissimo ruolo sociale dei nonni nei nuclei famigliari di oggi.

Passano cinque ore al giorno con i nipoti

Oggi l’Italia può contare su un esercito di oltre 17.000.000 di nonni, con una media di 2,5 nipoti a testa. E meno male. Secondo la ricerca, infatti, complice la vicinanza con la casa dei figli, il 74% collabora sistematicamente sia alla gestione sia all’educazione dei nipoti. In media, ciascuno di loro trascorre circa cinque ore al giorno in compagnia dei “propri” bimbi e/o ragazzi, specie durante le ore dei pasti e la fascia pomeridiana. Nel 78% dei casi, il loro supporto serve per tamponare l’assenza dei genitori per motivi lavorativi.

Maestri di vita e compagni di giochi

Quello fra nonni e nipoti è un rapporto davvero speciale e il tempo trascorso insieme è di qualità: il 51% parla con i propri nipoti (57% tra chi ha nipoti di oltre 10 anni), il 39% legge con loro, e il 34% fa passeggiate con loro (soprattutto con i più piccoli 0-2anni). I nonni non danno solo affetto e attenzioni, ma cercano anche di insegnare quelli che ritengono valori fondamentali, come il rispetto per gli altri (29%) e la disciplina (28%), e di passare alcune fondamentali regole di buona educazione(59%). Inoltre, tramandano alle nuove generazioni ciò che sanno fare meglio (56%), raccontano loro aneddoti e storie del passato (52%), cercano di insegnare l’importanza dell’esperienza (52%). Ma sono anche molto ludici: il 70% delle coppie nonni-bambini di diverte insieme, specialmente con giochi educativi (37%), carte (22%), costruzioni (21%).

Offrono sostegni anche economici

Ma i nonni non si limitano a occuparsi dei nipoti. Si dedicano anche alla preparazione di pranzi e cene (31%), fanno piccoli lavori domestici e di manutenzione (28%) e comprano quotidianamente alcuni generi di prima necessità (25%). Molti sono un supporto anche dal punto di vista economico: il 26% offre il proprio sostegno economico in modo costante e sistematico, mentre uno su quattro fornisce soldi soprattutto al bisogno. In media, i nonni spendono per i nipoti 46 euro mensili.

 

 

 

Da sapere!

È importante che i nonni condividano la linea educativa impartita dai genitori. Tuttavia, è normale che siano più permissivi: il loro compito non è quello di educare i nipoti, bensì quello di partecipare alla loro educazione. Quindi, mamma e papà non possono pretendere che non vizino i nipoti. Se non sono d’accordo su come si comportano, possono parlargliene oppure cercare un’altra soluzione, come una baby-sitter.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti