Secondo figlio? Dipende dal primo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/09/2015 Aggiornato il 10/09/2015

Se una coppia è contenta per la nascita del primo figlio, è più probabile che avrà voglia di metterne al mondo un altro

Secondo figlio? Dipende dal primo

Avrete un secondo figlio? Sì, se siete contenti del primo. È quanto emerge dallo studio demografico tedesco del Max Planck Institute for Demographic Research (MPDIR) con sede a Rostok, in Germania. In base alle ricerche degli esperti la nascita di altri figli è strettamente correlata al benessere generale dei genitori. Il livello di felicità e di armonia, cioè, vissuto con il primogenito sarebbe un fattore decisivo nella decisione di allargare in futuro la propria famiglia. Se, quindi, una coppia è contenta del primo figlio, allora ne avrà un secondo.

Un cambiamento importante

La nascita di un figlio mette alla prova il benessere dei genitori, che spesso si lamentano di mancanza di sonno, stress nel rapporto di coppia e una sensazione di perdita di libertà e di controllo sulla propria vita. Anche la difficoltà di conciliare vita familiare e lavoro è considerata un deterrente a fare altri figli. Quindi, solo se una coppia è contenta del primo figlio, allora ne avrà un secondo. L’esperienza dei genitori durante la gravidanza e nei primi mesi del piccolo aiuta a predire di quanto si allargherà la famiglia.

Non solo felicità

I ricercatori tedeschi hanno voluto indagare sul motivo per cui molte coppie mettono al mondo un solo figlio. Hanno per questo deciso di osservare i cambiamenti del benessere soggettivo riportato da oltre 2.000 persone. È emerso che, dopo l’arrivo del primo figlio, i genitori subiscono una perdita media di benessere di 1,4 unità sulla scala della felicità nei primi 12 mesi successivi alla nascita. E per oltre un terzo dei soggetti, il declino è stato di due o più unità. Solo il 30% dei soggetti non ha sperimentato alcun peggioramento. L’analisi, inoltre, mostra che solo il 25% delle coppie che hanno vissuto un calo del benessere di tre o più unità ha avuto un secondo figlio nei dieci anni successivi. Tra i genitori, invece, che non hanno percepito riduzioni di felicità, 66 coppie su cento hanno avuto un altro bambino. La stretta correlazione tra benessere dei genitori e nascita di un secondo pargolo emerge con evidenza nelle coppie più mature e con una maggior scolarità. Queste tipologie di genitori, infatti, faticano a rivedere nuovamente le proprie abitudini familiari dopo l’arrivo del primo figlio.  Solo se una coppia è contenta del primo figlio, allora ne avrà un secondo.

 

 
 
 

In breve

NATALITA’ IN CALO

 Nei Paesi occidentali si registra da anni un forte calo di natalità. Per stimolare nuove nascite sarebbe opportuno che gli Stati prestassero più attenzione al benessere dei genitori nel periodo intorno alla nascita del loro primogenito.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti