Secondo figlio: qual è il momento migliore?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 19/08/2019 Aggiornato il 20/08/2019

Dal punto di vista strettamente medico, non ci sono controindicazioni  a cercare, anche poco tempo dopo il parto, il secondo figlio. I tempi però cambiano se il primo bebè è nato per via naturale o con il cesareo

Secondo figlio: qual è il momento migliore?

In genere, per fare il secondo figlio è consigliabile aspettare almeno sei mesi se si è avuto il parto naturale o un anno se il parto è stato cesareo. In questo modo, infatti, si concede il tempo necessario all’organismo per riprendersi dalla fatica (e nel caso del cesareo, alla ferita dell’utero di rimarginarsi bene) prima di mettere in cantiere un secondo figlio e sostenere un’altra gravidanza.

Incinta anche se si allatta

Tra l’altro, è utile sapere che è possibile rimanere incinta anche mentre si allatta. La nutrizione al seno, infatti, non è un contraccettivo affidabile come troppo spesso si pensa. È vero che l’ovulazione è contrastata dall’azione della prolattina (l’ormone della lattazione) ma, in realtà, soltanto in parte. Può sempre capitare che l’ovaio riprenda a funzionare, rendendo possibile il concepimento e l’avvio di una nuova gravidanza. Questo può capitare soprattutto quando le poppate iniziano a diradarsi o se la produzione di latte diminuisce improvvisamente.

In breve

È IMPORTANTE CHIEDERSI IL PERCHE’

Prima di programmare una seconda gravidanza, la coppia dovrebbe interrogarsi seriamente sulle motivazioni che la spingono in questa direzione. Farlo “solo” per dare un fratellino o una sorellina al grande o perché lo fanno anche gli amici non è una buona motivazione.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti