Sedentarietà e dieta sbilanciata… il peso degli italiani sale!

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 03/09/2020 Aggiornato il 03/09/2020

Siamo un popolo sempre più schiavo di sedentarietà e dieta sbilanciata, così il 40% degli italiani si trova in eccesso di peso e i dati peggiorano con l’avanzare dell’età

Sedentarietà e dieta sbilanciata… il peso degli italiani sale!

Stando a quanto rivelato dai Sistemi di Sorveglianza “Passi” e “Passi d’argento” nel triennio 2016-2019 dell’Istituto Superiore di Sanità, gli italiani sono sempre meno propensi a fare attività fisica e mangiar bene. Aumentano così la sedentarietà, le cattive abitudini alimentari e, di conseguenza, il peso. Basti pensare che solo un italiano ogni dieci consuma la quantità giornaliera raccomandata di frutta e verdura.

Il 40% degli italiani è in sovrappeso

Con queste premesse non stupisce che ben 4 italiani su 10 tra i 18 e i 69 anni si trovino in una condizione di eccesso di peso. Numeri che salgono con il crescere dell’età, tanto che per gli over 65 si passa a 6 ogni 10. Coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità, la ricerca monitora periodicamente i fattori di rischio per la salute, così da poter seguire l’evoluzione delle maggiori problematiche che possono causare problemi alla popolazione e suggerire azioni preventive.

Un obeso ogni dieci italiani

Per tre dei quattro italiani in eccesso di peso, i problemi rientrano in una condizione di sovrappeso. Per l’ultimo caso si tratta, invece, di vera e propria obesità. Per quanto riguarda le cattive abitudini a tavola, lo studio evidenzia come solo un italiano ogni dieci consumi effettivamente le cinque porzioni di frutta e verdura raccomandate dalle linee guida in tema di sana alimentazione.

Poca attività fisica

In tema di sedentarietà, detto che i dati tendono a salire con l’avanzare dell’età, non occorre dimenticare come entrino in gioco fattori quali: il sesso (le donne fanno meno attività fisica), lo status socio-economico e il livello di istruzione (più sono bassi, più si è sedentari). I tassi di sedentarietà sono più alti al Sud, arrivando a superare abbondantemente il 50% della popolazione in regioni come la Basilicata e la Campania.

Fumo e alcool c’è ancora molto da fare

Spostando l’attenzione su altri fattori di rischio come fumo e alcool, la situazione non migliora ma, almeno per il fumo, si capovolge. Infatti, anche se c’è un fumatore ogni quattro italiani tra i 18 e i 69 anni, il dato scende al 10% tra gli over 65. In tema di alcool, un adulto ogni sei ne fa un consumo a rischio. In questo caso, i dati più preoccupanti arrivano dalle regioni del Nord.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Lo studio è stato portato avanti anche durante i mesi più aspri dell’emergenza Covid-19 dimostrando una volta di più l’importante impegno messo in campo dai dipartimenti italiani di prevenzione presenti sul territorio.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti