Seggiolini auto: in Usa regole più severe per i test?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/03/2014 Aggiornato il 04/03/2014

Un provvedimento del dipartimento dei trasporti americani propone di alzare gli standard dei crash test con cui vengono valutati i seggiolini auto destinati ai bambini

Seggiolini auto: in Usa regole più severe per i test?

I seggiolini auto destinati al trasporto dei bambini fino ai tre anni disponibili in commercio sono sicuri. Ma forse potrebbero esserlo ancora di più. Lo sostiene un provvedimento, della National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) del dipartimento dei trasporti americani, secondo cui i test usati per valutare questi prodotti andrebbero migliorati.

Che cosa dice la legge

Per la legge italiana, i bambini piccoli possono essere trasportati in auto solo nei sistemi di ritenuta idonei (seggiolini auto o adattatori). Questi dispositivi sono obbligatori dalla nascita fino al raggiungimento dei 36 chili di peso: fino a 18 kg si possono usare solo i seggiolini auto, oltre questo peso si possono utilizzare anche gli adattatori. Tutti i prodotti disponibili in commercio devono avere superato dei test di omologazione, detti anche crash test.  Ebbene, per quanto utili e importanti, i crash test attualmente previsti dalla legge, secondo l’agenzia americana non sono del tutto completi. Infatti, non testano la sicurezza nel caso di urti laterali.

A prova degli urti laterali

Ecco perché gli esperti statunitensi hanno proposto una nuova prova. Di che cosa si tratta? In pratica, consiste nel far colpire da un veicolo che va a 50 chilometri all’ora il fianco di un’altra auto che invece va a 25 chilometri all’ora. Sul lato colpito deve essere sistemato un seggiolino auto con all’interno un manichino: in una prima prova un manichino che simula un bambino di tre anni e poi, in un secondo test, un manichino che simula un bimbo di un anno. Il seggiolino, per superare “l’esame”, dovrà riuscire a impedire il contatto con l’auto che lo colpisce e a ridurre al minimo le sollecitazioni sul collo e sul petto del bambino.

Nuovi input alle case costruttrici

“Vogliamo rendere i viaggi in auto dei nostri bambini sempre più sicuri e questa proposta darà dati importanti per i genitori e le case costruttrici” ha spiegato Anthony Foxx, segretario del dipartimento dei Trasporti statunitense. Se la proposta venisse accettata, le case costruttrici avrebbero tre anni a partire dall’entrata in vigore per adeguare i loro dispositivi.

In breve

ATTENZIONE ALL’ETICHETTA

Quando si acquistano i seggiolini aiuto è importante verificare che in etichetta sia presente il simbolo di omologazione comunitaria (ECE) seguito dalla normativa di riferimento (es. R44/04).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti