Separazione: 8 consigli per non commettere errori con i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/10/2013 Aggiornato il 24/10/2013

Rappresenta un momento molto delicato per tutta la famiglia. In caso di separazione, però, occorre prestare particolare attenzione ai bambini

Separazione: 8 consigli per non commettere errori con i bambini

La separazione è un evento denso di emozioni per  tutta la famiglia. Non necessariamente, però, costituisce un trauma per il bambino. Tutto dipende da come si comportano mamma e papà. Ecco 8 regole d’oro.

Spiegare al bambino che cosa succede

È importante che mamma e papà non facciano finta di nulla, rimandando le spiegazioni all’ultimo momento. I bambini, infatti, sono molto sensibili e capiscono sempre quando c’è qualcosa che non va. Meglio spiegare il prima possibile che cosa sta accadendo.

Risparmiargli i dettagli tecnici

Essere chiari è essenziale, ma non serve entrare nei dettagli tecnici. È consigliabile evitare che il piccolo venga a conoscenza di cosa succede nelle aule di tribunale e negli studi degli avvocati.

Non incolpare nessuno

Indipendentemente dalla situazione e dai problemi presenti, è essenziale che i genitori chiariscano bene al figlio che la separazione è stata decisa di comune accordo. Non si deve accusare nessuno dei due partner: agli occhi del bambino la responsabilità non deve mai essere di uno solo dei genitori.

Neutralizzare i pensieri negativi

I genitori si separano perché non vanno più d’accordo, ma il bambino non ha alcuna colpa. È questo l’altro messaggio che deve passare. Alcuni piccoli si sentono in qualche modo responsabili e colpevoli per quanto sta accadendo. Compito di mamma e papà è neutralizzare questi pensieri negativi.

Stabilire una linea comune

La coppia deve essere d’accordo su cosa dire al figlio e dare la stessa versione dei fatti. È auspicabile, poi, che i genitori si comportino allo stesso modo nei confronti del bambino.

Essere molto affettuosi

Durante la fase di passaggio che ogni separazione comporta, il bambino non deve sentirsi trascurato. I genitori devono coccolarlo, rassicurarlo con le parole e i comportamenti, farlo sentire amato.

Non viziarlo

Essere presenti e vicino al figlio non significa concedergli tutto quello che vuole. Superato il dolore e il disorientamento, alcuni bimbi potrebbero cercare di trarre vantaggio da questa situazione, anche inconsciamente, avanzando una serie di richieste. È bene non essere troppo permissivi: dire qualche sì in più del solito può essere utile, ma senza esagerare. Altrimenti si rischia di viziare il figlio e di creare più danni che benefici.

Coinvolgerlo

In seguito alla separazione, mamma e papà vivranno in case diverse, quindi, occorrerà necessariamente fare dei cambiamenti “pratici”. A maggior ragione se si è deciso per l’affidamento condiviso e il bambino vivrà con entrambi i genitori. Se possibile, coinvolgere il figlio nell’allestimento dei nuovi spazi. Questo lo farà sentire partecipe e gli permetterà di creare un ambiente “su misura” per lui. 

In breve

IMPORTANTE UN ATTEGGIAMENTO SERENO

Far vivere la separazione in maniera serena ai figli non è impossibile. Se mamma e papà si mostrano decisi e tranquilli, per i bambini è tutto più facile. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti