Separazione: come preparare i figli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/03/2017 Aggiornato il 07/03/2017

Dire la verità e rassicurarli circa il loro benessere che sarà sempre al primo posto per entrambi i genitori sono due delle regole da rispettare per preparare i figli alla separazione

Separazione: come preparare i figli

Quando la coppia non funziona più, spesso la decisione è quella di separarsi. Ma come spiegare ai figli che papà e mamma non staranno più insieme? Dire loro la verità e rassicurarli che il loro benessere sarà sempre al primo posto per entrambi i coniugi nonostante la separazione sono due delle regole da rispettare.

Discutere in privato

Le liti tra i genitori devono essere gestite in privato, evitando che diventino parte integrante delle giornate e, soprattutto, del tempo trascorso con i figli. A spiegarlo è Margherita Spagnuolo Lobb, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy: “Se i genitori litigano, a casa si respira emergenza e ansia e i bisogni dei figli passano in secondo piano. I figli, invece, hanno il diritto di sentirsi accuditi nei loro bisogni nonostante la separazione. È bene che le liti vengano gestite tra adulti e lontano dai figli “.  

Non mentire

No a scuse né, tantomeno, a bugie: ai figli bisogna dire sempre la verità riguardo la separazione, facendo attenzione che la comunicazione tenga conto delle loro paure e dei loro bisogni.

Riconoscere la sofferenza

Molti bambini reagiscono alla separazione dei genitori chiudendosi in se stessi e diventando più introversi e riluttanti a parlare soprattutto di alcuni argomenti. Altri, invece, sembrano reagire con strafottenza: “Non bisogna presupporre mai che il figlio non sia toccato da una separazione, ma imparare a intendere tutti i suoi comportamenti, anche arroganza e strafottenza, come sforzo per restare vivo davanti a questa emergenza. Per questo è importante non lasciarsi prendere dall’ansia per il comportamento del figlio, né minimizzare, ma cercare di capire e andarsi incontro con il dialogo”, spiega l’esperta.

 Benessere dei figli al primo posto 

“I genitori costituiscono per il figlio un’unica realtà, la coppia è un sostegno fondamentale per la sua crescita. Quando la coppia scoppia, il figlio prova un dolore dilaniante, è come se venisse spaccato in due”, spiega Spagnuolo Lobb. “Bisogna spiegare al figlio che la separazione non è causa sua, che rimane comunque il frutto del loro amore e che mamma e papà avranno sempre a cuore i suoi bisogni e la sua crescita. È importante che il figlio sappia che può rivolgersi a entrambi i genitori, anche da separati”.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Nel 2015 sono stati registrati 82.469 divorzi, dato in forte aumento rispetto all’anno precedente (+57%) per via – spiega l’Istat – dell’introduzione del divorzio breve. Più contenuto l’aumento delle separazioni, pari a 91.706 (+2,7% rispetto al 2014).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti