Calo del desiderio? Colpa del poco sonno!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/04/2015 Aggiornato il 30/04/2015

Scoperta una relazione diretta tra calo del desiderio e mancanza di un adeguato riposo notturno. E la mancanza di sonno è un problema quasi inevitabile per le neomamme…

Calo del desiderio? Colpa del poco sonno!

Secondo un recente studio condotto dall’Università del Michigan e pubblicato sul The Journal of Sexual Medicine, una delle cause del calo del desiderio sessuale è correlata allo scarso o disturbato riposo notturno. Ecco allora un’altra causa del perché le neomamme spesso non hanno voglia di fare sesso.

L’importanza di dormire bene

Lo studio americano ha analizzato le abitudini sessuali e gli stili di vita, incluso il rispetto delle regole della cosiddetta igiene del sonno, di 171 donne. Le volontarie hanno compilato ogni 24 ore per due settimane un questionario sulla loro vita sessuale e sulla qualità del sonno. Ebbene, fra le donne impegnate in una relazione stabile, un riposo migliore ha concretamente giovato alla vita sotto le lenzuola.

Per ogni ora, il 14% in più di probabilità

Dai risultati è emerso che ogni ora supplementare di sonno aumenta la possibilità di attività sessuale con un partner il giorno successivo del 14%. Un risultato che non è influenzato da altri fattori e quindi non cambia nemmeno prendendo in considerazione età differenti, umore, stress e la presenza del ciclo mestruale.

Migliore sonno, migliore vita sessuale

David Kalmbach, autore dello studio, ha spiegato che l’influenza del sonno sul desiderio sessuale e l’eccitazione non era stata presa nella dovuta considerazione fino ad oggi. Ovviamente i problemi sessuali possono derivare da molteplici fattori, ma i risultati indicano che comunque è importante non sottovalutare il sonno insufficiente come causa di problemi sessuali.

Non conta solo la quantità

L’indicazione derivante dallo studio non è che in generale più sonno è meglio, ma che è molto importante concederci un numero adeguato di ore di riposo, quelle di cui il nostro fisico e la nostra mente hanno bisogno.

Vale anche per gli uomini

Il problema comunque non riguarda solo le donne: la mancanza di sonno può avere effetti anche sulla libido maschile. Una precedente ricerca dell’Università di Chicago ha dimostrato che, anche negli uomini, i livelli di testosterone possono essere ridotti a causa dell’abitudine a dormire poco. Secondo i ricercatori gli uomini che dormono meno di cinque ore a notte per una settimana o più, hanno livelli di testosterone simili a quelli di uomini di 15 anni più vecchi: livelli ormonali ridotti sono stati collegati a conseguenze negative in particolare nei giovani, come la scarsa capacità riproduttiva, la stanchezza cronica e il rischio di sviluppare malattie come la sindrome metabolica.

 

 

da sapere

GLI ITALIANI DORMONO POCO

In Italia, un adulto su tre dorme poco e male. Lo ha rivelato  l’Associazione Italiana di Medicina del sonno. Un sonno poco riposante non dipende solo dalla quantità di ore di riposo notturno (idealmente dovrebbero essere 7-8 ma ad alcuni ne bastano 4-5 per essere riposati), ma anche e soprattutto dalla qualità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti