Come cambia il sesso dopo il parto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/05/2013 Aggiornato il 27/05/2013

Il sesso dopo il parto può essere diverso, anche nelle coppie più affiatate. Recuperare l’intimità è però possibile...

Come cambia il sesso dopo il parto

 

L’arrivo di un bebè è un evento unico, che modifica radicalmente la vita della coppia: cambiano gli orari e diventano prioritarie le abitudini del piccolo. E il sesso dopo il parto ne risente.

Tanta stanchezza

Il sesso dopo il parto deve fare i conti innanzitutto con un frequente calo del desiderio. La stanchezza può essere così marcata da far passare la voglia di fare sesso dopo il parto.  I nuovi ritmi della famiglia finiscono inevitabilmente per influenzare la sessualità dei neogenitori. Le energie riservate alla cura del bimbo, che di notte può svegliarsi spesso, modificano in modo significativo la frequenza dei rapporti sessuali.

La compagna diventa solo una mamma

Spesso sull’intimità influisce anche l’immagine che l’uomo ha ora della compagna. Dopo il parto, infatti, può capitare che lui veda la donna nel ruolo di madre, protettiva e affettuosa verso il neonato. D’altro canto la donna, provata dalla stanchezza e dal tempo più limitato da dedicare a se stessa, può tendere a trascurarsi e a porre in secondo piano la propria femminilità. Il partner può quindi provare un’attrazione minore verso questa immagine di donna meno seduttiva.

Lui si sente trascurato

L’uomo può sentirsi “messo da parte” e privato delle attenzioni che prima erano riservate solo a lui. Il piccolo finisce per essere visto dal papà come qualcuno che gli sottrae le attenzioni della compagna. Il papà può quindi essere

geloso del figlio.

L’importanza del dialogo

È fondamentale che la coppia si parli e che, soprattutto, l’uomo esprima ciò che sente: se i partner si chiudono in se stessi, si allontanano sempre più, con il rischio di non ritrovarsi.

Mantenere un contatto sensoriale

È consigliabile che la coppia mantenga un contatto sensoriale, recuperando la tenerezza e le coccole e ponendo particolare attenzione ai preliminari. Poco alla volta, la coppia recupererà anche il desiderio di fare l’amore come prima della nascita del piccolo. 

In breve

AIUTARSI CONCRETAMENTE

Anche il neopapà dovrebbe occuparsi concretamente del piccolo, cambiandogli il pannolino e cercando di farlo addormentare. Aiutare la compagna permette di alleggerirla rispetto al peso fisico, emotivo e psicologico della gestione del bebè. In questo modo la mamma avrà anche più tempo per recuperare le energie come moglie e amante. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti