Contro l’impotenza l’olio d’oliva batte il viagra

Lorenzo Marsili Pubblicato il Aggiornato il 19/10/2018

Il rimedio ideale contro l’impotenza è alla portata di tutti: efficace e privo di effetti collaterali

Le proprietà del cibo sono infinite e di indubbio valore, ma può un naturale estratto di olive avere un effetto migliore del viagra contro l’impotenza? Pare proprio di sì. Nove cucchiai di olio d’oliva alla settimana sembrano ridurre il rischio del 40%.

Benefici a letto

La scoperta, presentata a Monaco di Baviera durante il Congresso dell’European Society of Cardiology (Esc), è stata fatta all’Università di Atene. Lo studio dei ricercatori ellenici ha incrociato i dati relativi alle abitudini alimentari e di salute sessuale di circa 660 uomini. È emersa ancora una volta l’importanza della dieta mediterranea: frutta, verdura, legumi e pesce sono dunque un toccasana senza anche per la salute sessuale e contro l’impotenza.

Testosterone su

In particolare i ricercatori hanno scoperto gli effetti dell’olio d’oliva sulle prestazioni sessuali: migliora la circolazione e ha un’azione benevola sul testosterone. Bastano nove cucchiai di olio d’oliva alla settimana e i livelli di testosterone schizzano alle stelle, riducendo con effetto duraturo di ben il 40% il rischio di impotenza e di disfunzione erettile. Un bell’aiuto, dunque, se si valutano anche gli effetti collaterali del viagra.

 

 

 
 
 

Da sapere!

 

Anche l’esercizio fisico è fondamentale per migliorare le prestazioni sessuali degli uomini, soprattutto per quelli di mezza età.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti