Dal medico di famiglia per i disturbi sessuali

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/11/2016 Aggiornato il 22/11/2016

Spesso per l’imbarazzo che possono causare le malattie legate ai disturbi sessuali, gli italiani non ricorrono al medico di famiglia, con il rischio di aggravare un problema a volte semplice da curare. Eppure è questa la principale figura di riferimento

Dal medico di famiglia per i disturbi sessuali

I disturbi sessuali potranno essere affrontati con il medico di famiglia. Questa novità fa parte di un progetto della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), che ha annunciato nuove iniziative di formazione medica sui disturbi sessuali. Le statistiche su come studiare per diventare “medico della sessualità” hanno confermato la tendenza di chi soffre di questi disturbi a non approfondire. Molte persone, infatti, preferiscono risolvere autonomamente, magari documentandosi su Internet, senza affrontare il problema con lo specialista né con il proprio medico di famiglia.

Una figura ad hoc

I “medici della sessualità” sono  formati attraverso corsi rivolti ai medici di medicina generale, grazie alla collaborazione tra la Fimmg e la Siams, la società scientifica che si occupa delle patologie della sfera sessuale. Ogni anno sono 30.000 i medici formati in questi ambiti e a breve verranno raggiunti tutti i medici di base.

La reticenza peggiora la situazione

Secondo le statistiche, sarebbero almeno 16 milioni gli italiani che hanno problemi nella sfera sessuale e che non riescono a parlarne con il medico. Più nello specifico, tra gli uomini, 4 milioni soffrono di eiaculazione precoce, 3 milioni di disfunzione erettile, mentre tra le donne 4 milioni sono affette da anorgasmia (assenza dell’orgasmo). La maggior parte di questi problemi potrebbe essere curata facilmente, ma spesso a causa della reticenza dei pazienti, possono peggiorare. Nel caso della disfunzione erettile, infatti, solo un italiano su dieci decide di affrontare la questione e spesso, soprattutto i più anziani, la accettano come parte integrante della vecchiaia senza pensare che invece possa essere curata. Donatella Alesso, coordinatrice delle iniziative dei “medici della sessualità”, afferma che “per superare le forti reticenze è importante rivolgersi almeno in prima battuta al proprio medico di fiducia, anche perché i problemi di natura sessuale possono nasconderne di più gravi per la salute”.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Secondo un’indagine del Pfizer Global Study, il 21% degli uomini e il 31% delle donne ha affermato di aver sofferto di almeno uno dei 7 disturbi chiave dei problemi sessuali. Tuttavia meno del 25% degli uomini e il 35% delle donne è andato dal medico.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti