Disfunzione erettile per metà degli uomini con diabete

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/09/2017 Aggiornato il 20/09/2017

Negli uomini il diabete può provocare problemi di disfunzione erettile. Probabili conseguenze anche sull’apparato cardiovascolare

Disfunzione erettile per metà degli uomini con diabete

È quanto emerge da una ricerca svolta sui dati raccolti da 145 studi. La revisione statistica è stata pubblicata sulla rivista scientifica Diabeti Medicine e ha coinvolto un team di ricercatori italiani guidato da Damiano Pizzol. Rispetto alla statistica relativa ai soggetti sani, i dati mostrano un’incidenza di disfunzione erettile più che triplicata negli uomini affetti da diabete.

Differenze in base al tipo di diabete

Entrando nel dettaglio, oltre la metà (52,7%) dei diabetici soffre di disfunzione erettile. La percentuale è minore nei diabetici insulino-dipendenti con un’incidenza di problemi di erezione pari al 37,5% dei pazienti. La situazione risulta invece ancora più critica per i malati di diabete insulino-resistente (diabete di tipo 2) con percentuale che supera il 66%: in pratica due malati su tre.

Servono altri studi

Come sottolinea Damiano Pizzol, però, sono necessarie ricerche più approfondite sul tema. Inoltre, è doveroso che i medici inizino a valutare questo tipo di corrispondenza con la disfunzione erettile in tutti i propri pazienti affetti da diabete. È indispensabile che questo diventi la prassi, anche perché avere problemi di erezione è quasi sempre la spia di un problema  cardiovascolare.

 

 

Da sapere!

Considerati i 145 studi presi in esame, sono stati analizzati circa 89mila uomini, un campione più che significativo che aiuta a fotografare con precisione il problema.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti