Disfunzione erettile: un aiuto dal caffè?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/07/2015 Aggiornato il 10/07/2015

Bere 1-2 tazzine di caffè al giorno potrebbe aiutare gli uomini che soffrono di disfunzione erettile. Ecco perché

Disfunzione erettile: un aiuto dal caffè?

Si tende a parlare soprattutto dei suoi aspetti negativi. Invece, il caffè ha anche molti pregi, se consumato nelle quantità e nei modi consigliati dagli esperti. Addirittura potrebbe rappresentare un alleato insospettabile nei confronti della disfunzione erettile. Perlomeno, questa è la tesi suggerita da uno studio condotto da un team di ricercatori statunitensi, cella University of Texas, pubblicato sulla rivista Plos One.

Uno studio su quasi 4.000 uomini

La ricerca ha riguardato 3.724 uomini di età superiore ai 20 anni. Tutti sono stati invitati a rispondere a due questionari: uno sul consumo abituale di caffè e di altre bevande contenenti caffeina, mentre un altro sulla propria vita sessuale, in particolare su eventuali problematiche riscontrate e sul livello di soddisfazione provato. Lo scopo era capire se la quantità di caffeina consumata potesse influire in qualche modo sull’intimità di coppia, in particolare se avesse qualche effetto sulla disfunzione erettile.

La caffeina protegge la vita sessuale

Dall’analisi dei risultati, è emerso che la caffeina non svolge un ruolo negativo sulla vita sessuale, al contrario. Si è visto che gli uomini che assumono abitualmente dagli 85 ai 170 milligrammi di caffeina al giorno, che equivalgono a uno o due tazzine di caffè, presentano il 42% del rischio in meno di soffrire di disfunzione erettile. Negli uomini che consumano dai 171 ai 303 milligrammi di caffeina, invece, le probabilità sono del 39% in meno.

Nessun beneficio in caso di diabete

Gli effetti positivi della caffeina sono stati riscontrati anche negli uomini che soffrivano di fattori di rischio circolatori (la disfunzione erettile deriva anche da problemi a livello della circolazione sanguigna) noti, come obesità e ipertensione. Gli unici che sembravano immuni ai benefici del caffè erano quelli con diabete. “Anche se abbiamo visto una riduzione della prevalenza della disfunzione erettile negli uomini obesi, sovrappeso e ipertesi, questo non è successo negli uomini con diabete. Il diabete è uno dei più forti fattori di rischio per la disfunzione erettile, per cui questa non è stata una sorpresa” hanno spiegato gli autori.

Migliora la circolazione periferica

Per quali ragioni la caffeina è così benefica? Secondo gli esperti, tutto è legato alla sua capacità di innescare una serie di meccanismi, che rilassano le arterie del pene e aumentano l’afflusso di sangue a livello dei genitali. Insomma, sembra proprio che valga la pena di bere un paio di caffè al giorno.

 

 

 
 
 

In breve

UN DISTURBO DALLE MOLTE CAUSE

 La disfunzione erettile, più conosciuta come impotenza, è l’incapacità di raggiungere l’erezione o di mantenerla per un tempo sufficiente a completare un rapporto sessuale. Ben oltre il 70% dei casi di disfunzione erettile dipende da fattori organici, le cosiddette comorbilità, quali il diabete, i disturbi cardiovascolari  o psichiatrici e gli squilibri ormonali che interferiscono con il meccanismo che porta all’erezione.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti